--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Pier Luca Balletti, Antiche Terme Romane srl, chiede di sanzionare Free Time con una email inviata alle autorità preposte e sostiene: "Non si farà nessun intervento il 25 giugno"

“Masse di San Sisto, i carabinieri hanno accertato la mancanza d’acqua…”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - Sit in alle masse di San Sisto

Viterbo – Sit in alle masse di San Sisto

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo l’email inviata da Pier Luca Balletti – Antiche Terme Romane srl via pec a: polizia mineraria regione Lazio, Giancarlo Bruti, Giuseppe Pagano, carabinieri forestali, carabinieri tutela patrimonio, giudice Federico Bonato, Soprintendenza archeologica belle arti e paesaggio.  “Per comprendere il contesto – afferma Pier Luca Balletti – va precisato che i lavori programmati dalla Free Time per il giorno martedì 25/6, non potranno essere eseguiti in quanto, come era prevedibile, la Soprintendenza ha dichiarato l’assoggettabilità di tali opere alla preventiva richiesta di autorizzazione, in considerazione dei due differenti vincoli gravanti sul terreno oggetto dell’intervento”. 

 – In data odierna (ieri, ndr) a partire dalle prime ore del mattino si è assistito ad una progressiva diminuzione della portata di acqua termale proveniente dal Pozzo San Sisto. Sul posto sono stati chiamati i carabinieri che hanno accertato la mancanza totale di acqua a partire dalle ore 15,30.

Sono stati contattati telefonicamente il dottor Giancarlo Bruti, incaricato dal giudice per le esecuzioni a far eseguire i lavori di chiusura/ricondizionamento del Pozzo San Sisto, ed il dottor Giuseppe Pagano, direttore di miniera della concessione termale rilasciata alla società Free time.

Il dottor Bruti ha confermato che, a seguito della Pec pervenuta dalla Soprintendenza, non sono previsti lavori per martedì 25 giugno come inizialmente programmato. Pertanto, a suo avviso, non ci dovrebbe essere alcun aumento di pompaggio da parte della Free Time.

Il dottor Pagano ha invece riferito che è stata sostituita una pompa da ieri mattina e ha contattato il custode presente sul posto per far accedere i Carabinieri intervenuti.

Finora il prosciugamento del foro di San Sisto si è verificato esclusivamente a seguito di pompaggi ben oltre il limite consentito alla Freetime, pari a 15 litri al secondo.

Quindi è facilmente presumibile che, anche in questa circostanza, la Free Time abbia pompato un quantitativo di acqua termale molto superiore a quella consentita, contravvenendo quanto previsto nella stessa autorizzazione rilasciata dalla regione Lazio, che prevede che il pompaggio massimo può essere superato solo per il tempo strettamente necessario ad eseguire i lavori sul pozzo di San Sisto.

Già in precedenza abbiamo avuto modo di constatare e di denunciare alla polizia mineraria che la Free Time ha più volte abbondantemente superato il limite consentito di 15 litri al secondo. Tutto ciò è anche provato dagli stessi documenti inviati dalla Free Time alla Regione Lazio (di cui siamo in possesso a seguito di accesso agli atti), dai quali si desume che in molte occasioni è stata deliberatamente superata la soglia consentita.

Ci attendiamo pertanto che vengano assunti i dovuti provvedimenti e che venga finalmente sanzionato il comportamento scorretto tenuto dalla Free Time.

Pier Luca Balletti

Antiche Terme Romane srl


Condividi la notizia:
24 giugno, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR