Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - L'amministrazione Arena spegne la prima candeline e l'opposizione le fa la festa - Tutti insieme meno una, Chiara Frontini

“Rifiuti, erbacce, piscina, palestra, terme e scuola, un anno di disastri”

di Giuseppe Ferlicca
Condividi la notizia:

Viterbo – “In un anno non è stato fatto nulla, solo danni”. L’amministrazione Arena spegne la sua prima candelina, era il 17 luglio 2018 il giorno del consiglio comunale d’insediamento e oggi l’opposizione fa la festa al centrodestra. Festa si fa per dire.

Si celebrano quelli che l’opposizione, dal Pd al Movimento 5 Stelle, da Serra a Lina delle Monache a Giacomo Barelli (esclusa Chiara Frontini) sono i disastri di una coalizione incapace. E che quando fa bene è perché non fa niente.

“Altro che governo ombra – dice Giacomo Barelli – questa è una città all’ombra del governo. Abbiamo visto un sindaco arciere, un sindaco trombettista, un sindaco che corre. Non abbiamo ancora visto un sindaco che faccia il sindaco”.

L’opposizione s’incontra in un bar a via Garbini. Manca Viterbo 2020. Ma questa è la minoranza che si è ritrovata insieme in fase di bilancio: “Costruendone uno alternativo. C’è una convergenza – precisa Francesco Serra – e non è detto che non possa svilupparsi in futuro anche alle prossime elezioni. Partendo da liste civiche ben piantate nel centrosinistra”.

Giacomo barelli e Alvaro Ricci

Rifiuti, piscina comunale, erbacce, il disastro è servito.
“Da un anno – spiega Barelli – tutti i problemi aperti tali sono rimasti. Si parla di rifiuti da Roma, ma quelli di Viterbo? La piscina comunale? Entro giugno dovevano portare le linee guida per l’appalto definitivo. Niente. Per le erbacce si evoca un piano straordinario, manco fosse un terremoto. Le erbacce sono cresciute perché l’appalto è scaduto e non sono stati capaci di prorogare. Sono un mix d’incapacità e incompetenza”. Il mercato del sabato da spostare. “FdI ha affisso manifesti dove scrivono di spostarlo subito. Fatelo, siete al governo. Non serva la propaganda”.

“Arena campa di rendita con gli appalti di Michelini”.
Alvaro Ricci (Pd), assessore nella precedente amministrazione, ne è certo. “Senza gli appalti di Michelini, Arena sarebbe fermo”. Eppure, parte dell’eredità la stanno sperperando. “Stanno buttando all’aria i soldi del piano periferie. Perdere 3 milioni e mezzo per il raddoppio della Cassia è una follia”. Il totale ammonta a 17 milioni. “Su alcuni progetti nemmeno io ero d’accordo – ricorda Ricci – ma il raddoppio della strada dal Poggino alla ex fiera è fondamentale. Eppure è tutto fermo da aprile 2018 e purtroppo, con ogni probabilità quel finanziamento andrà a farsi benedire. E non vengano a dire che il progetto non era in fase avanzata. Non è così e comunque sono al governo da un anno”.

Viterbo - Comune - La conferenza dell'opposizione per un anno d'amministrazione Arena

“Fallimentare il piano del commercio”.
Massimo Erbetti (Movimento 5 stelle) parte da questo. “Per non parlare di Talete – continua Erbetti – hanno sottoscritto l’accordo lasciando fuori 1 milione e 200mila euro di bolletta idrica, perché non hanno controllato e diventeranno un debito fuori bilancio, probabilmente. Per non parlare delle strisce al Pilastro che finiscono nel nulla, la ex chiesa della Pace, sede dei facchini di Santa Rosa che volevano vender perché scambiata per un magazzino”.

Serra, Barelli e Ricci

Termalismo questo sconosciuto.
Il rilancio, per Francesco Serra (Viterbo dei cittadini) è ancora lontano. “L’amministrazione Michelini ha avuto il merito di distribuire la risorsa mineraria, predisporre tutto per l’advisor e il rilancio dell’impianto ex Inps. Da maggio dello scorso anno. Cosa abbiano fatto poi non si sa. Siamo ancora nel campo delle idee”. Qualsiasi campo, anche quello sportivo, una pena. “Gli spogliatoi al campo scuola – sottolinea Serra – c’erano i fondi, che ne è stato? Lavori cominciati e interrotti. Il sintetico al Pilastro ora stanno lavorando, ma ce ne sono almeno altri due di campi comunale e non sempre può arrivarci il pubblico. Magari si potrebbe prolungare le convenzioni favorendo investimenti anche di privati”.

Viterbo - Comune - La conferenza dell'opposizione per un anno d'amministrazione Arena

Addio alla scuola a Santa Barbara? La boat sta naufragando.
“Il comune – osserva Lina Delle Monache (Impegno comune) – aveva un milione per i Servizi sociali e non li ha spesi. Finiti in avanzo. Coi tempi che corrono. C’è tanta confusione e per il 2019 si prevedono solo progettazioni, interventi dal 2020. Ma saremo già nel terzo anno”. Nota dolente, la scuola a Santa Barbara. Lavori fermi da tempo, situazione poco fortunata che si trascina da anni, ma che ora sembra definitivamente incagliata. “Da quattro mesi – spiega Delle Monache – abbiamo chiesto cosa ne volessero fare. Ultimare o lasciarla andare alla deriva. Con tutti i soldi che hanno in avanzo e che non spendono, per la scuola non c’è un euro”. Nel frattempo, come sottolinea Ricci, il bene si sta deteriorando.

Per non parlare della palestra sempre a Santa Barbara. “Completamento affidato alla seconda ditta in graduatoria – sottolinea Ricci – ma che ne è stato?”. Forse il problema è tutto lì. Senza un impianto, a Viterbo il centrodestra è fuori allenamento. O semplicemente solo fuori.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
18 luglio, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR