--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Venerdì 12 Luglio inaugura Lo spazio del cielo, opere d’arte permanenti tra Viterbo, Vetralla e Caprarola, a cura di Coopculture e Arci Viterbo

Tre nuove opere d’arte sulla Via Francigena

Condividi la notizia:

Fossato callo, lavori di sistemazione a cura dell'orto botanico Angelo Rambelli

Fossato callo, lavori di sistemazione a cura dell’orto botanico Angelo Rambelli

Fossato callo Vetralla - Lavori di sistemazione paesaggistica - Foto Ilaria Sofia Arcangeli

Fossato callo Vetralla – Lavori di sistemazione paesaggistica – Foto Ilaria Sofia Arcangeli

Elena Mazzi - 300mila anni in 344 centimetri in collaborazione con Regula Zwicky

Elena Mazzi – 300mila anni in 344 centimetri in collaborazione con Regula Zwicky

Alfredo Pirri, lanterna termale - Particolare

Alfredo Pirri, lanterna termale – Particolare

Matteo Nasini - Campo sintonico - Foto Riccardo Muzzi

Matteo Nasini – Campo sintonico – Foto Riccardo Muzzi

Alfredo Pirri, lanterna termale - Particolare

Alfredo Pirri, lanterna termale – Particolare

Viterbosponsorizzato – Venerdì 12 luglio alle 17 verrà inaugurato il progetto Lo spazio del cielo: tre interventi di arte contemporanea di Alfredo Pirri, Elena Mazzi e Matteo Nasini su un percorso ad anello sulla Via Francigena.

Il percorso parte idealmente dalla zona termale di Viterbo, dove Alfredo Pirri ha individuato nella guardiola delle Ex Terme Inps la sua Lanterna Termale, realizzata attraverso la riqualificazione dello stabile e l’utilizzo di vetrate con piume inserite al loro interno.

Di notte il piccolo stabile diventa una vera e propria lanterna che orienta il passante e getta una luce sul complesso delle Terme INPS.

A Vetralla l’intervento di Elena Mazzi è frutto di un intervento integrato di sistemazione naturalistica dell’area Fossato Callo, vicino al Foro Cassio. 300.000 anni in 344 centimetri, scultura realizzata con Regula Zwicky, è una lastra di peperino elevata tramite un piedistallo ed è una sorta di mappa geologica del territorio vetrallese.

Campo sintonico di Nasini è un gruppo di quattro installazioni nei pressi dell’area di lancio dei deltaplani nella Riserva del Lago di Vico, intercetta i venti e produce un’armonia naturale che amplifica le suggestioni della natura.

Il progetto prevede anche la realizzazione di un’opera di Teodosio Magnoni, Torre Tuscia, a Sutri, che verrà inaugurata entro Ottobre 2019.

L’inaugurazione del progetto avviene in maniera itinerante secondo questo programma:
17.00 Area lancio deltaplani, Loc. Poggio Nibbio, Caprarola
Matteo Nasini, Campo Sintonico
18.30 Fossato Callo, Strada Foro Cassio, Vetralla
Elena Mazzi, 300.000 anni in 344 centimetri
20.00 Ex Terme Inps, Strada Bagni, Viterbo
Alfredo Pirri, Lanterna termale

Si può partecipare all’inaugurazione anche tramite una navetta messa a disposizione dagli organizzatori previa prenotazione presso l’Ufficio Turistico di Viterbo tel. 0761.22.64.27

Lo spazio del cielo è un progetto di Coopculture selezionato dall’Avviso pubblico Arte sui Cammini promosso dalla Regione Lazio diretto da Arci Viterbo/Cantieri d’Arte e curato da Marco Trulli. 


Informazione pubblicitaria


Condividi la notizia:
11 luglio, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR