Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bagnoregio - Carabinieri - L'avvocato Franco Taurchini, legale dei famigliari della vittima, attende l'autopsia disposta dalla procura dei minori sul corpo di Antonio D'Orazi e nomina anche un consulente di parte

Botte durante una lite di condominio – Morto l’anziano finito in ospedale, 16enne indagato per omicidio preterintenzionale

Condividi la notizia:

Carabinieri

Carabinieri

Bagnoregio -(f.b.) – Morto dopo tre settimane di agonia l’anziano picchiato durante una lite tra condomini, indagato per omicidio preterintenzionale un 16enne.

Non ce l’ha fatta Antonio D’Orazi, il 76enne che per 23 giorni ha lottato tra la vita e la morte nel reparto di rianimazione di Belcolle. E’ deceduto sabato 17 agosto.

L’uomo era arrivato in ospedale con una botta alla testa dopo essere stato soccorso dal 118 in seguito a una lite tra vicini di casa.

L’episodio era accaduto la sera del 25 luglio a Bagnoregio. Due uomini avevano avuto una brutto battibecco. Erano venuti alle mani, ma poi la lite era finita lì, senza grosse conseguenze. Più tardi però le due famiglie si sarebbero incontrate ancora una volta. Gli animi erano ancora caldi e l’uomo sarebbe stato di nuovo colpito, stavolta in maniera più forte, al volto, da un’altra persona: un ragazzino di appena 16 anni.

Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Montefiascone e l’ambulanza.

“Il 16enne in un primo momento era indagato per lesioni – chiarisce l’avvocato Taurchini, legale dei famigliari di D’Orazi -, ma con la morte della vittima il pm della procura dei minori ha cambiato l’accusa in omicidio preterintenzionale e disposto l’autopsia per far luce con più chiarezza sui fatti”.

Antonio D’Orazi era stato trasportato di corsa a Belcolle con un grave ematoma. Ha subìto anche un intervento, ma le cure dei medici nelle successive tre settimane di degenza non sono bastate a salvargli la vita e sabato scorso è morto.

Le indagini ora sono concentrate sul minorenne. L’esame autoptico sul corpo del 76enne sarà eseguito oggi dal professor Filippo Milano, della Sapienza di Roma.

Anche l’avvocato Taurchini ha nominato un suo consulente di parte, il dottor Antonio Lanzetti.


Condividi la notizia:
20 agosto, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR