Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Carri trainati dai buoi che trasportano immagini sacre provenienti da varie regioni sfileranno ad agosto per le vie di Larino

La processione del Santissimo Salvatore sbarca in Molise

Condividi la notizia:

Viterbo - La processione del Santissimo Salvatore sfila per le vie del centro

Viterbo – La processione del Santissimo Salvatore sfila per le vie del centro

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La manifestazione la Carrese di Larino (Molise) è considerata una delle feste popolari più belle della penisola e affonda le sue radici nella religiosità del mondo contadino.

La festa si svolge il 24 e 25 maggio con la partecipazione di più di cento carri trainati da buoi, provenienti da diverse regioni, addobbati nelle maniere più originali e diverse.

L’ultimo di questi carri a sfilare in processione porta le reliquie di San Pardo, patrono della città, in onore del quale si svolge la festa.

Il 4 agosto, sempre a Larino, viene organizzata quella che può considerarsi una replica della festa di maggio, alla quale sono invitati paesi e città che hanno come tradizione quella di portare in processione su carri trainati da buoi statue o immagini di santi.

Quest’anno il comitato che organizza la Carrese di Larino, venuto a conoscenza della processione del SS. Salvatore di Viterbo, ha invitato il nostro comitato a partecipare alla processione di agosto con le stesse modalità con cui l’icona del SS. Salvatore viene portata processionalmente per le vie di Viterbo.

Per questo alcuni rappresentanti del comitato insieme al presidente Alfonso Carnevalini si recheranno nel paese molisano per prendere parte alla sfilata dei carri provenienti da diverse regioni italiane recanti ognuno l’immagine del santo venerato nella propria comunità.

Inoltre esporranno al pubblico le origini della devozione al Ss. Salvatore scaturita dal prodigioso ritrovamento del trittico nel 1283 nel campo della Chirichera.

La presenza dell’icona del SS Salvatore a Larino offrirà un motivo in più ai viterbesi per riscoprire e valorizzare questa antichissima devozione che è quello che sta facendo da qualche anno la Parrocchia di S. Maria Nuova e il Comitato che hanno voluto inserire nella processione del SS. Salvatore di maggio un corteo storico-rievocativo nel quale sfilano i gonfaloni e i figuranti che rappresentano le Corporazioni delle Arti presenti a Viterbo nel Medioevo.

Parrocchia di Santa Maria Nuova


Condividi la notizia:
3 agosto, 2019

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR