--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bomarzo - Il presidente della Lazio Claudio Lotito ricorda il suo primo incontro con Fabrizio Piscitelli, il leader degli Irriducibili assassinato il 7 agosto in un agguato - FOTO E VIDEO

“Diabolik aveva capito con chi si scontrava…”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Bomarzo – “Diabolik aveva capito con chi si scontrava”. Il presidente della Lazio Claudio Lotito ha chiuso la giornata di ieri della scuola di formazione politica, organizzata a Mugnano in Teverina, Bomarzo, dal centro studi Aldo Moro, parlando del leader degli Irriducibili Fabrizio Piscitelli, alias Diabolik, assassinato il 7 agosto in un agguato. Accanto a Lotito l’ex deputato Giuseppe Fioroni.

Lotito in passato si è più volte scontrato con la tifoseria laziale per il suo modo rigoroso di gestire la società.


Bomarzo - Claudio Lotito

Bomarzo – Claudio Lotito


“Quando diventai presidente della Lazio – ha raccontato Lotito – l’allora direttore Giuseppe De Mita, figlio del leader democristiano Ciriaco, mi disse che avrei dovuto incontrare una delegazione di tifosi. Pensavo fossero i sindacati. Mi disse anche: ‘dove li vuoi incontrare? Qui o fuori?’. Decisi di incontrarli fuori dandogli appuntamento a piazza Cavour davanti al cinema Adriano a Roma. Si presentarono quattro persone e uno di questi, pace all’anima sua, era Diabolik”.

La sala è piena. Tra il pubblico diversi consiglieri comunali e politici d’area fioroniana della Tuscia.


Bomarzo - La scuola di formazione politica del centro studi Aldo Moro

Bomarzo – La scuola di formazione politica del centro studi Aldo Moro


“Piscitelli – ha poi proseguito Lotito – si presentò e mi disse: ‘preside’, buonasera io sono Diabolik’. Io allora lo guardai e gli risposi: ‘buonasera, ispettore Ginko'”. Le persone in sala ridono. “Diabolik mi chiese se stavo scherzando. No, gli risposi, ‘tu stai dalla parte dei ladri, io da quella delle guardie. Devo però dire che Diabolik, rispetto agli altri, era una persona che aveva capito con chi si scontrava”.


Bomarzo - Giuseppe Fioroni e Claudio Lotito

Bomarzo – Giuseppe Fioroni e Claudio Lotito


Lotito arriva a Mugnano tre ore prima dell’intervista con Fioroni prevista per le 9 di sera. Si siede tra il pubblico e ascolta l’intervento del presidente del parlamento europeo David Sassoli. Prima di iniziare l’incontro, “Il futuro del calcio in Italia”, dà retta a tutti. Selfie, chiacchiere e strette di mano. 

“Fare il tifoso – aggiunge – non è una professione, ma una passione, che deve stare sempre all’interno delle regole”.


Bomarzo - Claudio Lotito

Bomarzo – Claudio Lotito


Il presidente Lotito non parla solo di Diabolik, ma anche del sistema calcio e di ciò che servirebbe per riformarlo. “Abbiamo un sistema costruito troppo su società professionistiche – sottolinea Lotito – e le risorse non sono sufficienti a garantire l’autoconsistenza economico-finanziaria del sistema. Dobbiamo ridurre il numero delle società calcistiche, non per eliminare gli scomodi, ma per far sì che non intervengano nel sistema calcistico società che non sono all’insegna della trasparenza, della correttezza e soprattutto del rispetto delle regole. Perché quando uno non ha le risorse poi si deve inventare qualcosa per sopravvivere. E questo è sbagliato”.


Bomarzo - Giuseppe Fioroni e Claudio Lotito

Bomarzo – Giuseppe Fioroni e Claudio Lotito


Infine una soddisfazione. La Salernitana, la seconda squadra di cui Lotito è presidente, portandola in poco tempo dal campionato di eccellenza a quello di serie B. “Ho scelto di prendere la Salernitana – ha spiegato Lotito – per dare voce a un territorio che in termini sportivi era più volte fallito. Ho creato un percorso costruendo le strutture. Come per la Lazio, che ora ha un futuro. E questo è successo perché gestisco la Lazio come un padre di famiglia senza percepire, da 15 anni, emolumenti e rimborsi spese. Perché se tu sottrai soldi alla società, li sottrai innanzitutto dagli investimenti”.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: Lotito chiude la giornata della scuola di formazione – Video: Diabolik e la riforma del sistema calcio  


Condividi la notizia:
21 settembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR