--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Ma è solo una finzione - Ieri la seconda giornata di Vetus Urbs, un intero fine settimana dedicato alla simulazione di un evento sismico - Tra i protagonisti anche Giovanni Arena - FOTO E VIDEO

“Il sindaco è ferito!”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo - La partecipazione di Giovanni Arena a Vetus Urbs

Viterbo – La partecipazione di Giovanni Arena a Vetus Urbs

Viterbo - Antonio Scardozzi

Viterbo – Antonio Scardozzi

Viterbo - La seconda giornata di Vetus Urbs

Viterbo – La seconda giornata di Vetus Urbs

Viterbo - La seconda giornata di Vetus Urbs

Viterbo – La seconda giornata di Vetus Urbs

Viterbo - La seconda giornata di Vetus Urbs

Viterbo – La seconda giornata di Vetus Urbs

Viterbo – “Il sindaco è ferito!”. Man solo una finzione. Anche Giovanni Arena, infatti, ieri, era tra i finti infortunati della seconda giornata di simulazione di un evento sismico che, dal 18 ottobre a ‘sta mattina, ha coinvolto quasi tutto il comune di Viterbo, città compresa.

Vetus Urbs 5.0, il nome dell’attività addestrativa realizzata dall’Unità cinofila da soccorso Viterbo del presidente Marco Brizi, in collaborazione con il comune e la Polizia locale. Otto le associazioni che hanno preso parte alla simulazione. Tuscia Viterbo, Croce Rossa Italiana, Protezione Civile Castiglione in Teverina, Etruria 2000 Vetralla, Misericordia di Viterbo, Misericordia Grotte S. Stefano, Misericordia di Trevi, Protezione Civile Vitorchiano. Oltre sessanta le unità di personale impiegate. Con il campo base a pratogiardino “Lucio Battisti”.

“Ieri – ha detto il consigliere comunale Antonio Scardozzi, delegato alla protezione civile – le operazioni si sono svolte nel quartiere San Pellegrino, in piazza dei Caduti e alla riserva naturale dell’Arcionello. Su quest’ultimo luogo è stata simulata l’esplosione di un serbatoio di gas a seguito del terremoto. Nel pomeriggio ci siamo spostati a Castel d’Asso. L’attività addestrativa si concluderà questa mattina con la smobilitazione del campo soccorritori e la partenza in colonna mobile”.

Venerdì, prima giornata di esercitazioni, la simulazione ha coinvolto l’istituto comprensivo Canevari, l’assessorato ai servizi sociali di via del Ginnasio e l’istituto tecnico economico Paolo Savi, l’orto botanico Angelo Rambelli, il centro commerciale Murialdo. Sempre nella serata di venerdì, la simulazione ha riguardato un incidente automobilistico, con tanto di intervento di bonifica per principio di incendio, estrazione e recupero feriti con personale sanitario. 

“L’ultimo addestramento – ha concluso Scardozzi – è stato quello di Castello d’Asso con il ritrovamento di un gruppo di turisti dispersi, a causa di un terremoto, mentre erano in visita alla necropoli etrusca”.

Daniele Camilli


Multimedia – Fotogallery: La seconda giornata di esercitazioni – L’operazione Vetus Urbs – Video: L’evacuazione dei servizi sociali del comune

Articoli: Vetus Urbs, “evacuati” scuole e comune… – Parte l’esercitazione Vetus Urbs – Scossa di terremoto di magnitudo 5,2, simulazione a pratogiardino Lucio Battisti


Condividi la notizia:
20 ottobre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR