--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Un ricordo di Teresa Blasi, una delle grandi personalità della sinistra viterbese - I funerali si terranno oggi alle 15,30 alla chiesa della Verità

La nostra ragazza del secolo scorso…

di Valerio De Nardo

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Teresa Blasi

Teresa Blasi

Teresa Blasi

Teresa Blasi

Teresa Blasi Pesciotti

Teresa Blasi Pesciotti

Viterbo – Ci ha lasciati la nostra ragazza del secolo scorso. Non ho trovato una definizione più calzante di quella tratta dal titolo dell’autobiografia di Rossana Rossanda per definire Teresa Blasi.


 – E’ morta Teresa Blasi Pesciotti


Era una ragazza, nonostante avesse un’età tale da avere vissuto gli anni del fascismo e della seconda guerra mondiale e poi quelli del primo centrosinistra e della contestazione giovanile.

Eppure, nonostante i tempi odierni abbiano dissolto pratiche e speranze collettive, non aveva perso l’energia e l’entusiasmo, non era mai venuta meno al proprio senso di responsabilità individuale e sociale, vivendo la propria dimensione privata come parte inscindibile di quella pubblica. Forse soltanto negli ultimi tempi soffriva un po’ di più il fatto che tanti affetti fossero andati via, come oggi lei ha fatto con noi.

Ma, ciò nonostante, l’attenzione a quel che succedeva tanto in città quanto nel mondo, il desiderio di poter fare qualcosa per combattere contro le oppressioni e le ingiustizie non erano mai venuti meno. Sempre in prima linea per darsi da fare a servizio della comunità, nulla rivendicava per sé: con questo spirito svolse, ad esempio, un mandato da consigliere della quinta circoscrizione del capoluogo.

Teresa l’ho conosciuta un quarto di secolo fa, quando arrivai a Viterbo, ed è stata una delle persone con le quali più ho condiviso l’impegno politico e culturale: nel Pds, al quale era arrivata senza mai essere stata comunista; poi nei Ds ed in Sel; nel movimento “Salviamo l’Arcionello”; nell’Associazione Achille Poleggi, figura della quale voleva custodire il valore e la memoria di battaglie civiche per la legalità e la giustizia. Con Achille aveva condiviso la militanza socialista, in quella tradizione libertaria che la fece essere poi vicina agli ambienti della sinistra meno istituzionale e che rimase come fondamento del suo punto di vista sul mondo.

Originaria di Vetralla, dove è cresciuta, si trasferì ventenne a Viterbo, svolgendovi l’attività di insegnante. Era una donna colta, una grande lettrice e le piaceva molto discutere di libri.

Negli ultimi anni aveva anche voluto lasciare delle tracce in versi e in prosa della sua esperienza di vita, dei suoi ricordi, delle sue sensazioni. Nel 2007 ha pubblicato con Settecittà la raccolta di versi Secretum, in memoria del compagno di vita Carlo Pesciotti, con il quale avevano deciso di sostenere molto concretamente la bellissima esperienza della “Fattoria di Alice” voluta dall’associazione dei sofferenti psichici e dei loro familiari. Con la casa editrice Ghaleb ha pubblicato la raccolta di poesie e prose Il funare (2009), la raccolta di poesie Alla radice dei giorni (2014) e i racconti sulla memoria Il profumo delle carrube (2014).

Teresa mancherà a me ed a tante amiche e amici che con lei hanno condiviso percorsi di impegno politico, sociale e culturale intensi e ricchi di ciò che rende la vita migliore, cosa che lei contribuiva sempre a fare. Ciao Teresina!

I funerali di Teresa Blasi si terranno oggi pomeriggio alle 15,30 alla chiesa della Verità.

Valerio De Nardo


Condividi la notizia:
22 ottobre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR