--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Luigia Melaragni, segretaria della Cna di Viterbo e Civitavecchia, dopo la sottoscrizione avvenuta oggi al comune

“Patto della notte, pubblici esercizi impegnati per il benessere della città”

Condividi la notizia:

Viterbo - Comune - Viene siglato il Patto della notte

Viterbo – Comune – Viene siglato il Patto della notte

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – “I pubblici esercizi della città di Viterbo costituiscono un presidio a tutela della sicurezza e del benessere della comunità. E’ questo il segnale che abbiamo voluto trasmettere con la firma, a Palazzo dei Priori, del ‘Patto per la notte’. Patto che è frutto del lungo dialogo tessuto negli ultimi mesi tra gli amministratori, gli imprenditori con le loro associazioni di categoria e i rappresentanti dei residenti del centro storico”.

Così Luigia Melaragni, segretaria della Cna di Viterbo e Civitavecchia, tra i sottoscrittori, questo pomeriggio, del documento che fissa le regole per il prolungamento dell’orario di apertura dei pubblici esercizi in deroga al piano del commercio approvato il 6 febbraio di quest’anno dal consiglio comunale.

“E’ giusto il metodo di lavoro stabilito con l’assessore allo Sviluppo Economico, Alessia Mancini, per giungere a questo risultato. Il confronto resta aperto, per verificare la possibilità di concedere ulteriori deroghe agli esercenti ‘particolarmente meritevoli’, così come è scritto nel protocollo. Uno dei punti chiave è, infatti, l’istituzione del tavolo di monitoraggio. La verifica dello stato di attuazione del ‘Patto’ avrà cadenza trimestrale”, ribadisce Melaragni.

Per poter richiedere la deroga, gli imprenditori dovranno adottare una serie di misure, che riguardano, per esempio, il contenimento del consumo di alcolici, la pulizia delle aree antistanti i locali, la sicurezza e l’assistenza alla clientela, il rispetto del diritto dei residenti alla quiete.

L’amministrazione comunale dovrà, a sua volta, preoccuparsi del controllo dei quartieri da parte delle forze dell’ordine, riguardo sia alla sicurezza che all’attuazione del patto siglato.

“Gli imprenditori confermano il loro senso di responsabilità e di essere tra i primi ad avere a cuore la crescita della città”, conclude Melaragni.

Cna Viterbo e Civitavecchia


Condividi la notizia:
1 ottobre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR