--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Orvieto - Gli investigatori: "Gesto imprevedibile e d'impeto" - L'uomo si è poi suicidato

Moglie e figlia fucilate, freddate con un colpo in testa

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Duplice omicidio e suicidio a Orvieto - La figlia Cinzia Carletti

Duplice omicidio e suicidio a Orvieto – La figlia Cinzia Carletti

Orvieto – Ha freddato la moglie in bagno e la figlia in cucina mentre guardava la tv, per poi rivolgersi il fucile contro e spararsi in testa.

Duplice omicidio familiare culminato con un suicidio a Orvieto. “Un gesto imprevedibile e d’impeto”, ipotizzano i carabinieri che stanno indagando sulla tragedia. Sembrerebbe che le due donne, la moglie 66enne Rosalba Politi e la figlia 34enne Cinzia, siano state colpite in testa alla sprovvista diverse ore prima del ritrovamento dei corpi.

Carlo Carletti, 67 anni, dipendente civile dell’aeronautica militare, avrebbe ucciso la propria famiglia nella loro abitazione in vicolo Sant’Antonio, poco distante dalla caserma dei carabinieri di Orvieto.

A lanciare l’allarme è stato il fratello dell’uomo, che non sentendolo da ore si è recato dai militari dell’Arma intorno alla mezzanotte tra mercoledì e giovedì. Sfondata la porta di casa, è stata fatta la macabra scoperta. Il corpo di Cinzia, la figlia, in cucina. Quello della moglie Rosalba in bagno, mentre il cadavere di Carletti è stato trovato nel corridoio con il fucile accanto. Un fucile, che il 66enne, prossimo alla pensione e appassionato di caccia, avrebbe detenuto regolarmente e che ora è sotto sequestro.

Nell’abitazione non sarebbe stato trovato alcun biglietto che potesse spiegare il perché di un gesto così atroce. Nessuno, soprattutto tra i vicini, avrebbe invece sentito i colpi dell’arma. Nessun’autopsia dovrebbe essere disposta dalla procura di Terni sui cadaveri: dovrebbe essere sufficiente l’esame esterno.

Carletti era cavaliere della Repubblica dal 2008. Con alle spalle una lunga carriera militare fra Lazio e Umbria, alle ultime elezioni comunali a Orvieto si era candidato come consigliere. La moglie, ex dipendente del ministero della difesa, era invece in pensione. Mentre la figlia lavorava per una cooperativa che gestisce edifici e beni culturali a Orvieto.


Uccide moglie e figlia a fucilate poi si suicida


Condividi la notizia:
15 novembre, 2019

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR