--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ferrovia Roma Nord - Il comitato pendolari preoccupato dopo l'ultima riunione dell'osservatorio raddoppio e sicurezza

“Si prospetta la chiusura della tratta extraurbana per almeno due anni”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Viterbo - La ferrovia Roma nord

Viterbo – La ferrovia Roma nord

Viterbo – (g.f.) – “Ferrovia Roma Nord, si prospetta la chiusura della stazione di piazzale Flaminio per oltre un anno”. I pendolari sono preoccupati. Già la tratta ha i suoi problemi, ma a disagi rischiano d’aggiungersi disagi.

La possibilità sarebbe emersa nel corso della riunione dell’osservatorio sicurezza e raddoppio, ieri. I pendolari del comitato riportano quanto riferito loro dai responsabili comunali presenti.

Nella riunione, la possibile chiusura della stazione a Roma, per lavori, con il capolinea spostato ad Acqua Acetosa. Prospettiva cui il comitato è fortemente contrario.

“Si prospetta anche la chiusura della tratta extraurbana per almeno due anni – spiegano i pendolari – con bus sostitutivi che correranno lungo la via Flaminia, da Montebello a Viterbo. Una situazione insostenibile”.

Durante l’incontro si è parlato dei finanziamenti per raddoppio e ammodernamento della tratta. “Stanno per partire le lettere d’invito – osservano i pendolari – per le ditte ‘prequalificate’. Dopo le feste di Natale riaprirà il cantiere della nuova stazione di piazzale Flaminio. Si parla di 400 milioni di euro di investimenti fino al 2023”.

Ma chi viaggia tutti i giorni su questi treni di promesse ne ha già sentite molte. “La situazione che viviamo è sempre quella in via di peggioramento. I pendolari sono ormai stanchi di promesse. È dal 2012 che sentiamo parlare e scrivere di investimenti, raddoppi, nuovi treni e invece viaggiamo in treni bestiame, sporchi dentro e fuori, imbrattati, vandalizzati, senza servizi igienici e aria condizionata per la maggior parte della flotta. Stazioni inaccessibili a disabili, carrozzine, passeggini, biciclette”.

Per non parlare delle corse che saltano quotidianamente. Ma a preoccupare adesso ci sono anche gli interventi di messa in sicurezza, con le chiusure paventate. Per il comitato, invece si potrebbe intervenire senza raddoppio: “Spendendo un decimo dei soldi, anche senza interrompere il servizio.

Pensate anche voi – si chiedono dal comitato – che sia una follia spendere 154 milioni di euro per raddoppiare 5 chilometri di ferrovia? Non sarebbe meglio usarne meno di 20 per installare un sistema marcia-treno che potrebbe garantire velocità maggiori e incroci in sicurezza, riportando l’offerta ferroviaria a 60 e più corse extraurbane giornaliere, togliendo bus sostitutivi e riducendo inquinamento, traffico e stress per tutti?”.


Condividi la notizia:
14 novembre, 2019

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR