--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - I residenti della zona alta di Zepponami ancora alla prese con il problema dei rubinetti a secco nelle loro abitazioni

“Siamo ancora senz’acqua, che fine hanno fatto le promesse del sindaco e della Talete?”

di Michele Mari
Condividi la notizia:

Montefiascone

Montefiascone

Montefiascone – “Siamo ancora senz’acqua, che fine hanno fatto le promesse del sindaco e della Talete?”. I residenti della zona alta di Zepponami a Montefiascone ancora alla prese con il problema della mancanza di acqua nelle loro abitazioni.

Dopo un’estate di protesta tra lettere e minacce di azioni plateali, i lavori promessi per una nuova conduttura non sono iniziati.

Dall’altro canto non mancano i disagi che continuano puntualmente ad arrivare ogni giorno nelle case in via Giranesi e in via Montisola a Zepponami.

“Il disservizio continua – spiegano i residenti della zona alta della frazione -. Tutte le mattine siamo senz’acqua e la nuova tubatura, che doveva essere realizzata appena il tempo si sarebbe rimesso subito dopo Natale, ancora non vede la luce”.

La storia della mancanza di pressione nella tubatura della zona alta della frazione, che provoca rubinetti all’asciutto a diverse fasi del giorno precisamente nelle via Giranesi e Montisola, è una storia che viene da lontano e che è sfociata nella protesta dei residenti nella scorsa estate.

Era infatti la fine di giugno quando una quarantine di famiglie della zona rimasero senz’acqua per una settimana. Montò quindi la protesta che fece ipotizzare anche il blocco della Cassia e l’intervento di Striscia la Notizia per portare il problema alla ribalta della cronaca e della satira nazionale.

Dopo gli interventi dei tecnici della Talete sulla pressione, l’acqua è arrivata, ma a giorni o a ore alterne e i disagi sono quindi continuati.

I residenti hanno inviato anche un esposto indirizzato al prefetto di Viterbo Giovanni Bruno, al procuratore di Viterbo, al presidente della Talete e al sindaco Massimo Paolini a cui è seguita una lettera nel mese di ottobre.

Poi dopo diversi incontri il sindaco di Montefiascone e la Talete hanno annunciato la realizzazione di una nuova tubatura con una maggiore portata con il fine di risolvere una volta per tutte il problema.

Lavori in programma prima per settembre e poi slittati a subito dopo Natale. Passato anche Natale e trascorso tutto il primo mese del 2020 degli interventi nemmeno l’ombra.

E quindi, di contro, ulteriori disagi per i residenti, che non hanno acqua in diverse ore della giornata.

“La mattina – continuano i residenti della zona – siamo con i rubinetti a secco. Dalle prime ore del mattino fino alle nove o alla dieci i nostri rubinetti sono all’asciutto. Oltre a non venire l’acqua, la poca pressione, impedisce anche l’avvio dei termosifoni e delle caldaie. Un ulteriore problema”.

I residenti della zona alta di Zepponami si sentono presi in giro, dopo le promesse del sindaco e della Talete.

“Le promesse in consiglio comunale – aggiungono dalla frazione – del sindaco Paolini e della Talete che fine hanno fatto? Ora basta, un’altra estate come quella passata caro sindaco e cari amministratori non siamo disposti ad affrontarla. Siamo sul piede di guerra e siamo stati fin troppo pazienti. Se non inizieranno i lavori per la nuova tubatura saremo pronti a concrete azioni di protesta”.

Michele Mari


Condividi la notizia:
25 gennaio, 2020

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR