--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Orte - Idee chiare: "Atto inopportuno, non eravamo parte lesa?" - Liquidati 91mila euro di fatture per la progettazione e l'esecuzione degli interventi nell'edificio

“Crollo nella scuola elementare, perché il comune ha già pagato le ditte?”

Condividi la notizia:

Dino Primieri

Dino Primieri – Idee chiare

Orte - Crolla il controsoffitto della palestra della scuola elementare

Orte – Crolla il controsoffitto della palestra della scuola elementare

Orte – (a.c.) – Il comune di Orte ha liquidato negli scorsi giorni due fatture relative alla progettazione e lo svolgimento dei lavori di efficientamento energetico della scuola elementare Don Pacifico Arcangeli. La stessa in cui, proprio nell’ambito del programma di riqualificazione edilizia, lo scorso 4 dicembre si era verificato il crollo del controsoffitto della palestra.

Oltre 91mila euro l’importo totale delle due fatture. Una da 15mila euro e spicci per liquidare la società che si è occupata della “redazione del progetto esecutivo, del coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori, della direzione e contabilità dei lavori di efficientamento energetico dell’edificio”. L’altra, da oltre 76mila euro, per il “secondo sal dei lavori di riqualificazione energetica” a favore dell’impresa che materialmente ha effettuato gli interventi.

Duro il commento della lista di opposizione Idee chiare, che in una nota definisce “inopportuno andare a liquidare la ditta e la società di progettazione in un momento come questo, con la palestra ancora sotto sequestro, la mensa ferma e quindi disagi per famiglie e bambini e i lavoratori a casa. Anche perché, è bene ricordarlo, il sindaco ha detto a più riprese che si ritiene parte lesa in questa vicenda”.

“Alle nostre richieste di accesso agli atti – aggiunge ancora Idee chiare – dove c’erano appunto anche gli stati di avanzamento lavori, la maggioranza ha risposto di non avere più nulla perché era tutto sequestrato. Ora, però, vengono liquidate le ditte. Su che basi?”.


Condividi la notizia:
24 gennaio, 2020

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR