Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bassano in Teverina - Antonello Ricci presenta l'evento di domenica prossima per celebrare la capacità del grande scrittore, poeta e regista di saper guardare la bellezza unica dei paesaggi della Tuscia - FOTO E VIDEO

“Una passeggiata e un concorso fotografico… per accendere la scintilla pasoliniana”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Bassano in Teverina – Lo sguardo di Pasolini al centro dell’indagine. Una passeggiata e un concorso fotografico. Entrambi ispirati appunto allo sguardo di Pasolini. Pensati per il rapporto tra Pasolini e il paesaggio italiano. Incarnato in tal caso dalla Tuscia. Tra Orte, Civita di Bagnoregio, Soriano, Chia, Bassano in Teverina. 

Un premio fotografico inedito. E questi sono gli ultimi giorni disponibili per partecipare. Basta leggere il bando, in fondo a quest’articolo. Un premio voluto da Tusciaweb, in collaborazione con il comune di Bassano e l’associazione Click. Energie civiche fatte convergere in una certa direzione.


Bassano in Teverina - Antonello Ricci - Concorso Pier Paolo Pasolini

Bassano in Teverina – Antonello Ricci – Concorso Pier Paolo Pasolini


Domenica prossima, 19 gennaio, la passeggiata. Pasoliniana anch’essa. A condurla, Antonello Ricci. Banda del racconto e docente del master in narrazione di comunità dell’università degli studi della Tuscia. Partenza alle ore 10 da piazza Nazario Sauro. Fino alle 12,30. Partecipazione gratuita. Colazione e aperitivo, in arrivo, offerti. Primo passo, dal borgo di Bassano in Teverina, passando per tutta una serie di emergenze lungo un sentiero già tracciato dal club alpino italiano (Cai). 

Protagonisti, il comune di Bassano in Teverina, il gruppo archeologico bassanese, Isabella Rosati, Urbano Rosati, Simonetta Celli e l’attore e regista Pietro Benedetti. Una comunità narrante. Una narrazione collettiva.


Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini


“Il concorso ‘Pier Paolo Pasolini, la forma della città’ – spiega Ricci – è dedicato ai paesaggi dell’alto Lazio, ma è d’ispirazione universale, sintonizzato con la poetica del paesaggio espressa dall’ultimo Pasolini. Chi partecipa deve presentare immagini di luoghi della Tuscia. Da Civita di Bagnoregio a Bassano in Teverina a Orte e altri. Verranno premiate non solo foto che possano valorizzare i nostri borghi, ma soprattutto foto che possano esprimere e veicolare una forza di senso che conservi qualcosa della scintilla pasoliniana. Innanzitutto la sua competenza in umiltà, ossia la capacità di saper guardare la bellezza umile, la vera bellezza dei nostri paesaggi. E la loro continuità”.

Ad accompagnare, e promuovere il concorso, la passeggiata racconto di domenica prossima. “Partiremo dal borgo di Bassano – prosegue Ricci – per ritornare sempre qui, passando attraverso un circuito fatto di emergenze. Una fornace rinascimentale, un manufatto di età classica, forse una tomba, i resti di un insediamento di età antica, la chiesa e la rupe di Pietramara del VII secolo e, infine, un’opera di regimazione delle acque con muro poligonale”.


Il borgo di Bassano in Teverina

Il borgo di Bassano in Teverina


Emergenze pasoliniane. Perché questi manufatti anonimi, popolari e senza nome, rappresentano il campione della bellezza italiana. Oggetti dimenticati ma legati a quella che il critico letterario Gianfranco Contini chiamava la “competenza e l’umiltà” tipiche di Pasolini. 

“Pasolini – spiega Antonello Ricci – lo manifesta per Orte, proprio nella ‘forma della città’. Lo dice per la stradina che portava alla vecchia porta dalla parte del Tevere, oggi è quasi del tutto dimenticata. Pasolini denunciava, infatti, già allora, la bellezza in pericolo”. 

I brani letti durante la passeggiata metteranno al centro la dimensione visiva in Pasolini. “Dal Vangelo secondo Matteo – commenta Ricci – fino al postumo Petrolio, dove Pasolini ci consegna una bellissima descrizione del borgo di Soriano e qualcosa di Bomarzo. Con le letture andremo dal momento in cui Pasolini conosce la Tuscia e se innamora fino a Uccellacci e uccellini che ha il suo set a Tuscania. Sullo sfondo la macchina, la chiesa di San Pietro a Tuscania, con le sue torri. La bellezza solenne del medioevo, vettore, per Pier Paolo Pasolini, di conoscenza”.


Bassano in Teverina - Antonello Ricci - Concorso Pier Paolo Pasolini

Bassano in Teverina – Antonello Ricci – Concorso Pier Paolo Pasolini


Lo sguardo, il paesaggio e il cinema. Il concorso fotografico non riguarda dunque la figura di Pasolini. Ma Pasolini che, sempre secondo Contini, riconobbe nella Tuscia un ideale di paesaggio portato all’estremo. Nudo, semplice, povero, per certi tratti primitivo, desertico. E, sempre secondo il critico Contini, “ai limiti dell’arsione vulcanica”.


Bassano in Teverina - Antonello Ricci - Concorso Pier Paolo Pasolini

Bassano in Teverina – Antonello Ricci – Concorso Pier Paolo Pasolini


Una vicenda che è anche storia di fotografi. Come Roberto Villa, fotografo di Pasolini sul set delle Mille e una notte, che ha già dato la propria disponibilità ad entrare nella giuria del concorso. L’idea è anche quella di coinvolgere Dino Pedriali, autore delle foto scattate a Pasolini all’interno della torre Chia poco prima che morisse. “La mano sul grilletto era la sua – racconta Ricci -. Ma la regia della sparatoria era di Pasolini. Quelle foto, compresi i nudi, sono l’estremo autoritratto intellettuale di Pasolini”.


Bassano in Teverina - Antonello Ricci - Concorso Pier Paolo Pasolini

Bassano in Teverina – Antonello Ricci – Concorso Pier Paolo Pasolini


Concorso fotografico e passeggiata si incontrano proprio su questo punto e aspetto. Quello che Pasolini aveva capito e che l’Italia si ostinava, e si ostina ancora, a non capire. La possibile perdita, che oggi rischia d’essere definitiva, di una bellezza millenaria. E del suo senso più profondo. Una civiltà costruita da manovalanze anonime. Paesaggi creati a partire dal medioevo. Da uomini umili. Artigiani. Coloro che per secoli hanno lavorato la materia per realizzare la prima dimensione dell’uomo. L’abitare. 


Multimedia – Fotogallery: Il borgo di Bassano in Teverina – Video: La passeggiata raccontata da Antonello Ricci


Concorso fotografico Pier Paolo Pasolini, la forma della città

“Pier Paolo Pasolini, la forma della città”, prima edizione del concorso fotografico indetto da Piattaforma 2.0, in collaborazione con Tusciaweb e l’Associazione Click! e il comune di Bassano in Teverina, aperto a fotografi professionisti ed amatori.

Il concorso ha lo scopo di valorizzare sei luoghi della Tuscia nello spirito che ha guidato Pasolini nel suo rapporto con il Viterbese. Un territorio, che nonostante tutto, ha mantenuto integra, almeno in parte, la forma originaria dei suoi borghi. I paesi da fotografare sono: Bassano in Teverina, Viterbo, Caprarola, Civita di Bagnoregio, Soriano e Orte. Per poter partecipare dovranno essere inviate foto di almeno 3 di questi borghi, tra i quali obbligatoriamente Bassano in Teverina e Civita di Bagnoregio. Pena l’esclusione dal concorso.

I partecipanti al concorso dovranno mandare una foto dei vari paesi in formato JPG ad alta risoluzione, tramite WeTransfer o altro tipo di trasmissione di file pesanti via email. Non ci sono limiti compositivi né artistici, verranno quindi accettate anche foto post-prodotte.

La partecipazione è gratuita.

Le foto dovranno essere inviate all’indirizzo e-mail: laformadellacitta@tusciaweb.it entro le ore 23 del 20 gennaio 2020. Nell’email vanno inseriti: i titoli delle opere, i dati dell’autore e un riferimento telefonico.

La premiazione si svolgerà a febbraio/marzo 2020 nel borgo di Bassano in Teverina.

Verranno premiate le 3 migliori foto in assoluto, più menzioni speciali per ogni singolo luogo. Le foto verranno valutate dall’insindacabile giudizio dell’équipe di Tusciaweb.

Tutte le foto partecipanti potranno essere utilizzate da Piattaforma 2.0 Tusciaweb, dall’Associazione Click!e dal comune di Bassano in Teverina a scopo pubblicitario, per pubblicazioni, mostre o qualsiasi altro scopo.


Condividi la notizia:
15 gennaio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR