Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Orte - I cittadini denunciano da mesi la presenza di rifiuti di ogni tipo, ma l'area non è ancora stata bonificata e l'immondizia cresce

Spunta una discarica abusiva tra i mattoni dell’ex fornace

Condividi la notizia:

Orte - La discarica abusiva vicino alla ex fornace

Orte – La discarica abusiva vicino alla ex fornace

Orte - La discarica abusiva vicino alla ex fornace

Orte – La discarica abusiva vicino alla ex fornace

Orte – (a.c.) – Vestiti, scarpe, materassi, libri, bottiglie, calcinacci, plastica, passeggini, mobili, pneumatici, grossi sacchi neri e persino la carcassa di una macchina schiacciata dalle pile di mattoni abbandonati. È una vera e propria discarica a cielo aperto quella che sorge rigogliosa a Orte Scalo, lungo la strada che costeggia l’ex fornace, tra via Marzabotto e la provinciale 150.

L’immondizia sta lì da mesi e col passare dei giorni, naturalmente, cresce. Già da diverso tempo i cittadini hanno denunciato l’esistenza del sito, anche attraverso foto e post su Facebook, ma per il momento tutto rimane com’è. Anzi, peggiora di giorno in giorno.

A quanto pare, il nodo da sciogliere prima di procedere alla bonifica dell’area è capire se la competenza (e quindi l’importo dell’intervento) sia a carico della società proprietaria dell’ex fornace, fallita nel 2010, o del comune di Orte.

Un luogo, la vecchia fabbrica di mattoni, che coi rifiuti ha una storia davvero infelice. Poche decine di metri sopra alla strada dove sorge la discarica, all’interno dell’ex sito produttivo, sono interrate tonnellate di fanghi tossici di cui ancora non si capisce come procedere allo smaltimento, tanto che l’assessora all’Ambiente Mariastella Fuselli ha chiesto l’aiuto del ministero per trovare i fondi necessari. 

Adesso, a completare l’opera, il bello spettacolo dei sacchi abbandonati tra i laterizi. Proprio un bel posticino per andare a fare una passeggiata all’aria aperta.


Condividi la notizia:
21 gennaio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR