--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il segretario generale Massimo Costantino dopo la decisione del dipartimento amministrazione penitenziaria

“Carcere, la Fns Cisl chiede un direttore titolare non un supplente”

Condividi la notizia:

Viterbo - Carcere di Mammagialla

Viterbo – Carcere di Mammagialla

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Come preannunciato nella conferenza stampa presso la sala consiliare del comune di Viterbo, dopo la manifestazione avvenuta il 14 febbraio. Il dipartimento amministrazione penitenziaria ha dato luogo a quanto ci aveva già comunicato nella riunione del giorno prima.

Le unità inviata risultano essere 6 – un numero esiguo – avremmo sperato in qualcosa di più, almeno una decina di unità.

Per la Fns Cisl Lazio resta inteso che le 16 unità che espletano servizio presso il Gom, gruppo operativo mobile, siano restituite all’istituto e che altre 16 unità siano inviate dal Gom.

Apprendere poi di un direttore che va a giorni alterni in istituto non è una bella notizia, perché così facendo i problemi si raddoppiano sia alla casa circondariale Rebibbia, dove da un anno chiediamo di essere convocati sull’organizzazione del lavoro ma assenti risultano le autorità preposte e ora non vorremmo che ciò accada anche a Viterbo dove le relazioni sindacali erano ottime.

La Fns Cisl chiede un direttore titolare certo non un supplente per l’istituto di Viterbo.

La Fns Cisl unitamente alle altre sigle prosegue lo stato di agitazione e con le stesse ha. Girato un incontro con il provveditore del Lazio, Abruzzo e Molise.

Massimo Costantino
segretario generale aggiunto Cisl Fns


Condividi la notizia:
21 febbraio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR