Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Il sindaco Giuseppe Ciucci scrive alla dirigenza dell'azienda di trasporti e al prefetto: "Basta con questa odissea quotidiana per studenti e pendolari"

“Corse Cotral soppresse o saltate, Farnese sempre più isolato”

Condividi la notizia:

Giuseppe Ciucci

Giuseppe Ciucci

Farnese – “Corse Cotral soppresse o saltate, Farnese è sempre più isolato”.

Il sindaco di Farnese non ci sta più e scrive sia alla dirigenza del servizio di trasporti che al prefetto Giovanni Bruno.

“Ieri è stata l’ennesima giornata di fuoco per chi avrebbe voluto servirsi degli autobus Cotral per raggiungere Viterbo – racconta il primo cittadino -. Una vera odissea. Ma la cosa grave è che non è un episodio isolato. Certe situazioni capitano ormai troppo spesso. Farnese, di fatto, rischia di rimanere isolato”.

Nel mirino ci sono, principalmente, le corse mattutine che dovrebbero collegare Farnese a Viterbo. Ma non solo. Perché quando salta la corsa diretta studenti e pendolari provano ad affidarsi alle altre linee che si intersecano nel percorso, ma anche provando a trovare un’alternativa nel tetris delle corse dei pullman che attraversano la provincia, rischiano di rimanere lo stesso a piedi.

“Quello che è successo ieri ha dell’incredibile – prosegue Ciucci -. Allora per prima cosa è saltata la corsa delle 7 da Farnese a Montefiascone. Allora chi doveva prenderla ha provato a prendere quella per Viterbo per poi fermarsi a Valentano e intercettare la coincidenza giusta. Ma anche questa, che arrivava da Bagnoregio, è stata soppressa. I ragazzi hanno quindi proseguito fino a Marta dove sarebbe passato un altro mezzo, in arrivo da Tuscania. Alla fermata si sono trovate circa 120 persone a dover salire. Gli autobus erano al collasso e uno di questi si è anche rotto. Alla fine, gli studenti sono arrivati a scuola a Montefiascone dopo le 10”.

Una giornata da dimenticare. Ma il punto è che, purtroppo, questa situazione rischia di ripetersi molto spesso. E il sindaco si è mosso.

“Ho scritto sia alla Cotral che al prefetto – spiega – perché siamo stanchi di vedere il nostro paese isolato nonostante i ragazzi paghino profumatamente, e in anticipo ogni inizio del mese, il loro abbonamento. Le corse vengono sempre soppresse all’ultimo minuto senza uno straccio di avviso. E’ insostenibile. Inoltre, non ci sono soltanto studenti sugli autobus: c’è chi lo usa per andare in ospedale a fare analisi o visite urgenti, persone che devono raggiungere il posto di lavoro”.

I disservizi, poi, non riguarderebbe soltanto le corse che collegano Farnese a Montefiascone, ma anche quelle per Viterbo (anche se più raramente), quelle per Pitigliano, Manciano, Acquapendente. Ora il sindaco Ciucci aspetta una risposta e una soluzione.


Condividi la notizia:
4 febbraio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR