--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Gli indagati sono accusati di appartenere a vario titolo a un'associazione capeggiata da Salvatore Nicitra, ex boss della Banda della Magliana

Criminalità, tra i 38 arrestati anche un 40enne di Capranica

Condividi la notizia:

Carabinieri

Carabinieri

Capranica – Criminalità, tra i 38 arrestati c’è anche un 40enne di Capranica. È Massimiliano De Santis, detto “Chicco”. Il suo nome compare nelle oltre 200 pagine dell’ordinanza d’arresto notificata questa mattina dai carabinieri tra le province di Roma, Viterbo, Terni, Padova e Lecce. Ma anche all’estero, in Spagna e in Austria.

Per De Santis il gip della Capitale, Vilma Passamonti, ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di appartenere a un’associazione a delinquere. A capo ci sarebbe Salvatore Nicitra, ritenuto un ex boss della Banda della Magliana.

Nicitra, stando alle indagini, avrebbe monopolizzato l’area a nord di Roma assumendo il controllo nella distribuzione e gestione di apparecchiature per il gioco d’azzardo, slot machine, scommesse online. Il tutto, secondo l’accusa, con modalità mafiose. Avrebbe imposto l’esclusività ad attività commerciali di Roma e provincia.

I carabinieri, con le loro indagini, hanno permesso di fare luce su cinque casi freddi avvenuti al quartiere Primavalle alla fine degli anni Ottanta.

Sequestrati beni per 15 milioni di euro, su decreto emesso dal tribunale di Roma e su richiesta della Dda di Roma. Si tratta di beni, mobili e immobili, una decina. Si ritiene che siano stati utilizzati per commettere reati o acquisiti con proventi illeciti.

Il provvedimento prende il via da indagini economiche e patrimoniali da parte della guardia di finanza di Frascati verso un noto imprenditore, più volte condannato per usura, esercizio abusivo dell’attività finanziaria e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’uomo e la sua famiglia, come notato dai militari, avevano un tenore di vita elevato rispetto ai redditi dichiarati.


Condividi la notizia:
11 febbraio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR