Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il prefetto Giovanni Bruno, in videoconferenza con alcuni sindaci della Tuscia: "La situazione è al limite della sopportabilità e dell'incolumità pubblica"

“Cinghiali, bisognerà prevedere un abbattimento che non può essere limitato a soli 400 capi”

Condividi la notizia:

Viterbo - Giovanni Bruno

Viterbo – Giovanni Bruno

Viterbo – (p.p.) – “Bisognerà prevedere un abbattimento che non può essere limitato a soli 400 capi”. Il prefetto Giovanni Bruno ha partecipato ieri a una videoconferenza con i sindaci di alcuni comuni della Tuscia in cui, ultimamente, la presenza di cinghiali ‘si è fatta sentire’.

Un incontro, virtuale, che arriva dopo la lettera degli amministratori proprio al prefetto, perché si faccia portavoce della problematica in Regione.

“La presenza degli ungulati – spiega Giovanni Bruno – è abbastanza diffusa su tutta la provincia.

Coi sindaci, siamo rimasti che la prossima settimana inviterò l’assessore regionale all’Ambiente a partecipare a un’altra videoconferenza insieme all’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) e ai vertici di Atc-1 e Atc-2 per far presente che la situazione è al limite della sopportabilità e dell’incolumità pubblica.

Bisognerà prevedere un abbattimento o un intervento da parte della Regione che sia consistente e che non può essere limitato a soli 400 capi. I sindaci, infatti, non sono contenti di questo numero, che è minimale, rispetto alla presenza degli ungulati nell’intera provincia”.

Il prefetto sottolinea come “sia necessario sviscerare la problematica che è seria e non solo per l’aspetto agricolo, ma anche per quanto riguarda la viabilità e la sicurezza di chi viaggia sulle strade e improvvisamente, specie nelle ore notturne, si trova davanti i cinghiali col rischio di incidenti”.

Ultimamente si sono verificati diversi episodi: “Ad Acquapendente, per esempio, il sindaco ha fatto un’ordinanza di cattura di un cinghiale che è entrato in un fondo ed è pericoloso. La situazione, dunque, va attenzionata per bene”. Anche a Tuscania si sono verificati diversi incidenti e diversi cinghiali sono stati avvistati a ridosso delle mura cittadine.

Da alcuni sindaci, poi, è arrivata la proposta di far abbattere i cinghiali, non solo da selecontrollori, ma anche da agricoltori, in possesso di licenza.

“Un’idea che va valutata, non corriamo. Va vista per bene la normativa per capire fino a che punto intervenire e in che modo. Si rischia di parlare e non concretizzare, io – conclude – preferisco fare i fatti e parlare di meno”.


Condividi la notizia:
27 maggio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR