Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il giornale di mezzanotte - Viterbo - Quando l'amore si dichiarava sui muri - FOTO

“Natasha ti amo”

di Daniele Camilli
Condividi la notizia:


Viterbo – “Natasha ti amo”. Nero su bianco. Sulla facciata che una volta era l’istituto professionale, Ipsia, di Viterbo. A piazza Dante. Oggi, una delle sedi del liceo scientifico Paolo Ruffini.

Una scritta, vecchia d’anni, che ricorda quando, un tempo, l’amore si faceva e raccontava anche sui muri della città.


Viterbo - L'amore sui muri

Viterbo – L’amore sui muri


Muri come bacheche. Come quelle di Facebook. Con una differenza. Se domani il genere umano scomparisse, i social se ne andrebbero con lui. I muri, e quello che ci sta scritto sopra, no. Gli sopravviverebbero. Almeno per qualche secolo.


Viterbo - L'amore sui muri

Viterbo – L’amore sui muri


Scritte che raccontano un tempo andato. Amori iniziati e poi finiti. Amori tracciati, in alcuni casi vergati, su intonaco, tufo e cemento. Per mostrare e manifestare. Per dichiarare e, spesso, per superare l’imbarazzo del dire. Prima ancora del fare.


Viterbo - L'amore sui muri

Viterbo – L’amore sui muri


Stanno dappertutto. A Viterbo, nel centro storico. Basta buttarci l’occhio e cercare qua e là. Senza pregiudizi. Un modo d’essere e fare, testimoniare l’amore, ancora in voga. Nei vicoletti soprattutto. 


Viterbo - L'amore sui muri

Viterbo – L’amore sui muri


Cuori scalpellati con la freccia di Cupido a trafiggerli. Uno risale al 1976. “Alla fine ho conosciuto davvero poco di te – riporta invece una scritta fatta col pennarello – ma è stato abbastanza per innamorarmi e troppo per lasciarmi andare”.


Viterbo - L'amore sui muri

Viterbo – L’amore sui muri


Amori difficili, ma altrettanto da ostacolare. Sebbene il finale probabilmente non è stato lieto. “Voglio dirti che sei stata l’unica persona – dichiara un portone – per la quale ho lottato. E se tornassi indietro lotterei ancora”.


Viterbo - L'amore sui muri

Viterbo – L’amore sui muri


La più bella sta sta forse in vicolo dell’archetto. “Ripenso alla prima volta che ti vidi quando entrambi rimanemmo immobili nella timidezza che ci circondava, quell’estate che mai scorderò. Perché da quel momento eri entrato a far parte della mia vita. Da allora fino ad oggi sono passati due anni, ma per me non sono stati lunghi, anzi mi hanno fatto capire che tu sei molto importante per me. Resti e resterai per sempre nel mio cuore e sarai il mio unico pensiero di ogni giorno. Resterai la mia passione e il sogno che prima o poi realizzerò. Con la fermezza, la convinzione e la sicurezza di amarti”.


Viterbo - L'amore sui muri

Viterbo – L’amore sui muri


Questa, infine, è invece la più vera. “Non voglio che sia facile. Voglio che ne valga la pena”.

Daniele Camilli


 Fotogallery: Quando l’amore si dichiarava sui muri


Condividi la notizia:
3 maggio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR