--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il giornale di mezzanotte - Fase 2 - L'ordinanza regionale della Toscana coinvolge anche la Tuscia: "Per il via libera serve la comunicazione congiunta dei sindaci ai prefetti"

“Ok allo spostamento tra i comuni confinanti di Lazio e Toscana”

di Samuele Sansonetti
Condividi la notizia:

Il confine tra Lazio e Toscana

Il confine tra Lazio e Toscana

Uno dei due annunci del comune di Proceno

Uno dei due annunci del comune di Proceno

L'annuncio del comune di Sorano

L’annuncio del comune di Sorano

Acquapendente – Ok allo spostamento tra alto Lazio e bassa Toscana.

Il “via libera” riguarda le sole zone confinanti ed è stabilito dall’ordinanza regionale della Toscana firmata il 17 maggio dal presidente Enrico Rossi.

“Dal 18 maggio – si legge nel documento -, previa comunicazione congiunta da parte dei sindaci dei comuni tra loro confinanti ai prefetti competenti, è ammesso lo spostamento anche al di fuori della regione Toscana, nei limiti del comune confinante, da parte di coloro che abitano in comuni collocati a confine tra Toscana e altre regioni”.

Per quanto riguarda la Tuscia risultano coinvolti nove paesi: Montalto di Castro (che confina con Capalbio e Manciano), Canino (Manciano), Ischia di Castro (Manciano e Pitigliano), Farnese (Pitigliano), Valentano (Pitigliano), Latera (Pitigliano e Sorano), Onano (Sorano), Acquapendente (San Casciano dei Bagni e Sorano) e Proceno (Castell’Azzara, Piancastagnaio, San Casciano dei Bagni e Sorano).

Alcuni comuni hanno già annunciato ai cittadini la possibilità di effettuare gli spostamenti interregionali. Tra loro anche San Casciano dei Bagni, Acquapendente e Proceno.

“Per i cittadini di San Casciano di Bagni – spiega il sindaco del comune toscano Agnese Carletti – è possibile andare, oltre che all’interno dei confini regionali, anche nei comuni di Acquapendente e Proceno, nella regione Lazio. Insieme al sindaco di Acquapendente Angelo Ghinassi e al sindaco di Proceno Cinzia Pellegrini abbiamo infatti comunicato ai nostri prefetti questa decisione che è stata accettata”.

Decisione confermata anche dal comune di Proceno. “Poiché il comune di Proceno confina con i comuni di San Casciano dei Bagni e Sorano – si legge sulla pagina Facebook dell’amministrazione comunale – si comunica congiuntamente con i comuni di San Casciano dei Bagni e Sorano, che gli abitanti di Proceno possono andare nel territorio di San Casciano dei Bagni e Sorano e che gli abitanti di San Casciano dei Bagni e Sorano possono venire nel territorio di Proceno“.

Stesso discorso anche per Sorano. “L’ordinanza regionale 57 del 17 maggio consente gli spostamenti tra comuni confinanti – ha annunciato l’amministrazione -. I residenti del comune di Sorano possono spostarsi nei comuni di Acquapendente, Proceno, Onano e viceversa”.

Samuele Sansonetti


Condividi la notizia:
23 maggio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR