Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Il presidente del Movimento imprese ospitalità Paolo Bianchini fa un appello al governo: "Le aziende falliranno nel giro di poche settimane"

“Ci lascino lavorare in pace, basta col terrorismo mediatico sul Covid-19”

Condividi la notizia:

Paolo Bianchini

Paolo Bianchini

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Ora basta: ci lascino lavorare in pace, la smettano col terrorismo comunicativo e mediatico sul Covid19 o migliaia di aziende falliranno nel giro di poche settimane. 

E’ ormai chiaro a tutti che il virus è usato oggi come uno strumento per impaurire i cittadini, in modo da poter rafforzare e mantenere in vita un governo inutile, che a marzo era agonizzante.

Conte ha preso quasi i pieni poteri, ci ha detto, in barba alla Costituzione, se, quando e come potevamo uscire e si è dedicato soltanto a scalare posti nelle classifiche dei sondaggisti, infischiandosene dei problemi del Paese.

Oggi che il Coronavirus è clinicamente morto, il premier e i suoi sostenitori evocano la possibile seconda ondata senza chiare ed univoche evidenze scientifiche.

La smettano con questo teatrino e ci facciano tornare a una vita normale, ci facciano tornare a lavorare in pace: il loro bluff è stato scoperto, gettino le carte sul tavolo e abbandonino subito la scena.

L’Italia produttiva vuole tornare a fare fatturato, ma deve poter lavorare a pieno regime: esattamente quello che Conte ei suoi ministri non vogliono consentire, per un loro sciagurato e ignobile tornaconto personale e politico.

Paolo Bianchini
Presidente del Movimento imprese ospitalità


Condividi la notizia:
19 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR