Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Il giornale di mezzanotte - Anche tu redattore - Viterbo - Lettera aperta di Sabrina Cevolani, genitore di un alunno della scuola Pietro Vanni, alla dirigente scolastica Giuseppina Agostino

“Otto invece che nove all’esame di terza media, si faccia chiarezza…”

Condividi la notizia:

Viterbo - La scuola media Pietro Vanni

Viterbo – La scuola media Pietro Vanni

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta di Sabrina Cevolani, genitore di un alunno della scuola Pietro Vanni, alla dirigente scolastica Giuseppina Agostino -.

Sono il genitore di un alunno della scuola Pietro Vanni di Viterbo che nei giorni scorsi ha sostenuto l’esame di terza media. A questo proposito intendo segnalare a questa amministrazione che sul portale Argo sono stati pubblicati oggi i documenti ufficiali del percorso scolastico, tutti con firma elettronica del dirigente di tale scuola, e che il voto finale di scrutinio è risultato variato nel giro di poco più di un’ora, penalizzando mia figlia nella conclusione di questo ciclo con un primo documento che riportava una valutazione finale pari a nove/decimi e un secondo documento che invece riportava otto/decimi.

Dopo un primo momento di grande stupore ho provveduto a chiedere spiegazioni e, a tale proposito, mi è stato inviato uno stralcio del messaggio che era stato pubblicato sulla bacheca elettronica di Argo che, a mio avviso, non faceva nessuna chiarezza sull’accaduto. Capirete quanto questo possa essere risultato incredibile, anche in considerazione di un contesto complessivo di relazione e di gestione del percorso scolastico che ha penalizzato fortemente studenti come mia figlia che, sia in prima che in seconda media, ha raggiunto sempre il massimo dei voti. È evidente che quanto è accaduto non rende alcun merito alla buona volontà di una studentessa, anzi la penalizza specie in un momento di crescita così delicato quale è quello dell’adolescenza.

Per tutto quanto sopra, faccio appello al buon senso di chi potrà far chiarezza sulla questione, augurandomi che venga resa giustizia a una studentessa che ci tiene particolarmente a essere ben considerata anche rispetto al suo prossimo ingresso in un liceo di Viterbo.

Mi riservo di esporre ulteriori maggiori dettagli in ogni altra sede, compresi gli organismi di stampa che potranno aiutare altri genitori che, come me, si sono visti sfumare la gioia di un anno particolarmente complicato.

Cordiali saluti,
Sabrina Cevolani


Condividi la notizia:
28 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR