Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Vincenzo Peparello (Confesercenti) dopo i fondi stanziati dalla regione per i comuni lacuali del Lazio

“Un aiuto dopo le pesanti perdite causate dal lockdown”

Condividi la notizia:

Ronciglione - Lago di Vico

Ronciglione – Lago di Vico

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – “Le somme destinate dalla regione Lazio ai comuni lacuali consentiranno di sopperire alle pesanti perdite causate dal lungo lockdown e di affrontare la stagione estiva con spese commisurate alle reali esigenze delle spiagge libere”. È questo un primo commento di Vincenzo Peparello, presidente della Confesercenti di Viterbo e responsabile regionale Area turismo, a seguito dei fondi che la regione Lazio ha stanziato a favore dei tutti i comuni dei bacini lacuali del Lazio.

“Una destinazione opportuna – dice Peparello – che permetterà a tutti i comuni interessati di approntare le misure necessarie a far fronte alle esigenze richieste per la ripresa delle attività. Giusto quanto la Confesercenti ha sostenuto in numerosi interventi a proposito della Fase 2 dopo il blocco causato dalla pandemia. In particolare sono nove i comuni della Tuscia sia lago di Vico e lago di Bolsena, destinatari di 748mila euro sul milione e mezzo stanziato dalla regione. Si tratta di complessivi 748mila 403,28 euro.

“Queste – elenca il presidente di Confesercenti – le somme assegnate ai comuni: 170mila 643,06 euro a Montefiascone; 143mila 593,01 euro a Gradoli, 117mila 783,71 a Capodimonte, 101mila 285,32 a Ronciglione, 72mila 174,92 a Bolsena, 51mila 858,50 a Marta, 37mila 348,61 a Caprarola,  27mila 782,20 a San Lorenzo nuovo e 25mila 933,95 a Grotte di Castro”.    

“L’adeguamento temporaneo alle misure richieste dalla ripresa  – dice ancora Peparello – si rende necessario per offrire ai turisti spazi nelle spiagge llibere in totale sicurezza e per consentire agli operatori di poter gestire in maniera adeguata la stagione turistica, pur se cominciata in ritardo e con pesanti perdite. Adesso  – conclude – si punta ad un turismo che certamente sarà diverso da quello tradizionalmente ospitato negli anni passati, ma che potrà contare su maggiori presenze di turismo di prossimità”.

Confesercenti Viterbo


Condividi la notizia:
20 giugno, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR