Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - Lo chiede il partito di Fratelli d'Italia del comune

“Migranti trasferiti nella Tuscia, necessari blocco navale e rimpatri”

Condividi la notizia:

Tarquinia

Tarquinia

Tarquinia – Riceviamo e pubblichiamo – Arriva oggi la notizia: positivi 3 immigrati arrivati a Orte e Proceno. 

Fratelli d’Italia Tarquinia esprime forte preoccupazione e solidarietà agli amministratori locali per l’arrivo nella Tuscia di migranti potenzialmente infetti da Coronavirus.

Infatti di notte è arrivato a Valentano un pullman di migranti poi trasferiti a Orte e Proceno.

Il governo nazionale e la regione Lazio non hanno a cuore la salute dei cittadini della provincia di Viterbo, infatti continuano a far arrivare nella Tuscia persone potenzialmente infette, per essere messe in quarantena.

Negli scorsi mesi abbiamo assistito a immagini tragicomiche con cittadini costretti a rimanere in casa, inseguiti dalle forze dell’ordine, spiati da droni e telecamere. La popolazione italiana ha dimostrato grande intelligenza e maturità, rimanendo in casa e limitando gli spostamenti.

A fronte di questi enormi sacrifici, assistiamo oggi a sbarchi continui di stranieri provenienti da paesi flagellati dal Covid-19. La presenza di queste persone, potenzialmente infette, potrebbe vanificare gli sforzi degli amministratori pubblici e della popolazione italiana per limitare la diffusione del virus.

Ha ragione la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni è urgentissimo un blocco navale, la chiusura delle frontiere terrestri e il rimpatrio. 

Fratelli d’Italia Tarquinia


Condividi la notizia:
31 luglio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR