Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Operai precipitano da oltre 20 metri - Il ragazzo vittima insieme a un collega - La tragedia in un cantiere a Roma

Muore a 29 anni in un incidente sul lavoro, la Tuscia piange Paolo Pasquali

Condividi la notizia:

Paolo Pasquali

Paolo Pasquali

Stefano Fallone

Stefano Fallone

Canale Monterano – Morti dopo essere precipitati da oltre venti metri d’altezza. Le vittime sono due operai di 53 e 29 anni, Stefano Fallone e Paolo Pasquali. Il primo era di Cesano mentre il secondo di Canale Monterano, comune romano al confine con la Tuscia.

E anche nel Viterbese Paolo era molto conosciuto. Non di rado trascorreva le serate tra Ronciglione e Oriolo Romano. Amava il divertimento e lo sport, il calcio su tutti. Chi lo conosceva lo ricorda come un ragazzo simpatico e pieno di vita, buono e generoso. Un lavoratore instancabile.

“Troppo giovane per morire – affermano con sconforto dal comune di Canale Monterano -. L’amministrazione si stringe alla famiglia nel dolore. Un dolore che lascia senza parole. Riposa in pace caro Paolo. Canale non ti dimenticherà”. Nel giorno dei funerali, che non sono ancora stati fissati, verrà proclamato il lutto cittadino.

Commoventi le parole del sindaco Alessandro Bettarelli. “La nostra comunità è colpita al cuore. Il primo pensiero è per lui, per una vita che finisce troppo presto, a soli 29 anni. Poi per la sua famiglia, per il dolore che stanno provando in queste ore, impossibile anche pensarlo. Poi per tutti gli amici che gli hanno voluto bene e che adesso non potranno più dimostrarglielo. Infine per tutta la nostra comunità, perché la morte di Paolo colpisce tutti noi, toccati da una cosa troppo grande da credere, tanto da spingerci a riflettere, a ricercare comunque un senso in una cosa che purtroppo senso non ha”.

Paolo e Stefano sono morti lunedì mattina dopo essere precipitati dall’ottavo piano del palazzo sul quale stavano lavorando. Un volo di oltre venti metri in piazza Lodovico Cerva, a Roma. Inutili i tentativi di soccorrerli dei colleghi e dei sanitari del 118. Per recuperare i corpi è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco.

La procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e ha affidato le indagini alla polizia. Sono già stati eseguiti i primi sopralluoghi, in particolare quello del pm e degli ispettori del lavoro. Toccherà poi ai periti.


Condividi la notizia:
22 luglio, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR