Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il sindaco Arena spiega i motivi dell'integrazione del provvedimento di ieri sull'interdizione di alcune vie e piazze per contrastare la diffusione del virus

“Blocco in viale Trento, decisione presa per le segnalazioni sul pericolo di assembramenti”

Condividi la notizia:

Viterbo - Il sindaco Giovanni Arena

Viterbo – Il sindaco Giovanni Arena

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Contenimento diffusione virus, anche viale Trento tra le vie e le piazze interdette al pubblico tutti i giorni, dalle 18 alle 24.

Con ulteriore ordinanza firmata nel primo pomeriggio (n. 91 del 29/10/2020), il sindaco Giovanni Maria Arena ha disposto la chiusura anche di tale via. Ad oggi pertanto queste le vie e le piazze chiuse al pubblico, a causa della concentrazione di numerose persone, nonostante i divieti di assembramento vigenti e nonostante le numerose raccomandazioni: viale Trento, largo Marconi, piazza della Repubblica, piazza Unità d’Italia, piazza dei Caduti, piazza Martiri d’Ungheria, parco di Valle Faul, via Valle Piatta, nella zona delle scale che conducono alla chiesa di S.Maria della Salute, via san Clemente, nella zona delle scale che conducono a piazza S. Lorenzo.

“Questa decisione – spiega il sindaco Arena – fa seguito alle ulteriori segnalazioni pervenute in merito al pericolo di assembramenti anche in tale via. Ho ritenuto pertanto opportuno e necessario integrare il provvedimento di ieri”. Anche in questo caso, come per le altre vie e piazze interessate, è fatta salva la possibilità di  accesso, e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private, compreso, a tal fine, l’accesso con i veicoli ai passi carrabili e alle aree di parcheggio.

Si ricorda che, in caso di inottemperanza, sarà applicata la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 400,00 a € 1.000,00.
 
L’efficacia di entrambe le ordinanze sindacali (la n. 89 del 28/10/2020 e la n. 91 del 29/10/2020) coincide con quella delle disposizioni previste dal DPCM 24 ottobre 2020, ovvero fino al prossimo 24 novembre. 
 
In considerazione della continua evoluzione della situazione epidemiologica, il provvedimento ha natura sperimentale e potrà essere sottoposto a modifiche o integrazioni alla luce delle eventuale nuove disposizioni legislative e dell’evoluzione delle necessità legate al contenimento della diffusione del contagio. 
La versione integrale dell’ordinanza è consultabile sul sito istituzionale.
 
Comune di Viterbo
 

Condividi la notizia:
29 ottobre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR