Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Anche tu redattore - Viterbo - Il racconto di Andrea Barbieri: "Ho segnalato la cosa e mi hanno risposto che non potevano raggiungere il posto"

“Assembramento di trenta ragazzi sulla Palanzana, ma la polizia locale non è intervenuta…”

Condividi la notizia:

Viterbo - La croce in cima alla Palanzana

Viterbo – La croce in cima alla Palanzana

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Mi sono recato sabato nel primo pomeriggio a fare una passeggiata sulla cima della Palanzana. Ma, arrivato proprio alla croce, ho scoperto di non essere affatto da solo. Erano presenti circa una trentina di ragazzi e ragazze che, in barba alle norme anti-Covid, alle raccomandazioni di mantenere le distanze, evitare di avere contatti con persone estranee al gruppo familiare, mantenere le mascherine ed evitare assembramenti (tant’è vero che neanche stanno andando fisicamente a scuola perché chiuse per la loro età), si trovavano sulla suddetta cima a bivaccare come fosse Ferragosto, con musica a tutto volume e, la cosa più grave, un fuoco acceso a terra.

Ho segnalato tale situazione con tempestività alle forze dell’ordine, ossia carabinieri, polizia e polizia municipale.

Mentre carabinieri e polizia hanno accolto la segnalazione chiedendo specifiche su come raggiungere la cima, l’ubicazione del posto e il numero dei ragazzi presenti, mi permetto di segnalare l’accoglienza della mia denuncia da parte della polizia municipale di Viterbo: dopo aver spiegato la situazione, telefonicamente come per gli altri, mi è stato risposto dalla vigilessa che nel frattempo sghignazzava, che loro “non possono raggiungere quel posto”.

A quel punto, allibito, ho risposto alla donna: “Secondo quanto afferma, allora, se viene commesso un crimine e vi viene segnalato, ma non potete arrivarci, è consentito delinquere?”.

Sono veramente allibito che i morti di Coronavirus causati da assembramenti irresponsabili facciano ridere un vigile urbano di Viterbo. E sono piuttosto dispiaciuto del fatto che generazioni di persone giovani (i ragazzi assembrati) e le rispettive famiglie non abbiano assolutamente colto l’importanza di queste misure restrittive. Grazie a questi comportamenti irresponsabili tarderemo sempre di più a tornare alla normalità.

Andrea Barbieri


Anche tu redattore – le segnalazioni dei lettori

Chiediamo a tutti i lettori di segnalare ogni situazione interessante giornalisticamente.

Un ingorgo nel traffico, una festa, una sagra, un incidente, un incendio o qualsiasi situazione che secondo voi merita attenzione a Viterbo e in tutta la Tuscia. Basta azionare il telefonino, fotografare e scrivere due righe con nome e cognome inviandole alla redazione, specificando se si vuole essere citati nell’articolo e/o come autori delle foto, e far riferimento all’iniziativa “Anche tu redattore”. In ogni caso va inserito un proprio contatto telefonico (preferibilmente cellulare) che, ovviamente, non sarà reso pubblico. Le foto e i video devono essere realizzate da chi fa la segnalazione. Alcuni tipi di segnalazione, per chiari motivi legali e giornalistici, non possono essere pubblicate senza firma esplicita con nome e cognome. Tusciaweb si riserva di pubblicare o meno a propria assoluta discrezione le segnalazioni.

Insieme potremo fare un giornale sempre più efficace e potente al servizio dei cittadini della Tuscia. I materiali inviati non vengono restituiti e divengono di proprietà della testata.

Tutti i materiali inviati alla redazione, attraverso qualsiasi forma e modalità, si intendono utilizzabili in ogni forma e modo e pubblicabili. I materiali non vengono restituiti. Le foto verranno marchiate con “Tusciaweb copyright”.

Tusciaweb non ha nessun obbligo di pubblicazione.

Puoi inviare foto, video e segnalazioni contemporaneamente a redazione@tusciaweb.it e redazione.tusciaweb@gmail.com. In questo caso i testi vanno inviati in allegato in word.

Puoi anche usare WhatsApp con questo numero 338/7796471 senza nessun costo.

 


Condividi la notizia:
17 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR