Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Daniela Bizzarri (Pd) in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne: "Non erogati fondi per le strutture che aiutano le vittime"

“Durante il lockdown le donne erano ancora più esposte agli abusi degli uomini”

Condividi la notizia:

Daniela Bizzarri

Daniela Bizzarri

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne è stata istituita partendo dall’assunto che la violenza contro le donne sia una violazione dei diritti umani. Tale violazione è una conseguenza della discriminazione contro le donne, dal punto di vista legale e pratico, e delle persistenti disuguaglianze tra uomo e donna.

È bene dare qualche dato, tenendo conto che in questo periodo di lockdown , secondo alcune fonti del Corriere delle sera, tra  marzo e giugno 2020 sono raddoppiate le chiamate al numero antiviolenza 1522. Ma le Regioni non hanno ancora erogato il 90% dei fondi del 2019 per le strutture che aiutano le vittime. E quelli del 2020 non sono ancora stati stanziati.

Durante la prima settimana di lockdown, a marzo, il cellulare per le emergenze del Centro contro la violenza sulle donne, secondo La responsabile, il telefono non ha mai squillato. “Era un silenzio assordante: abbiamo capito subito che la situazione era così difficile per le vittime che non riuscivano neppure a fare una telefonata”.

Le strutture di prima accoglienza, a causa del lockdown, non potevano far entrare nuove ospiti, e gli spostamenti tra comuni erano vietati.

Secondo il rapporto 2020 di Action Aid, sul sistema antiviolenza in Italia, le richieste di aiuto al numero antiviolenza 1522 tra marzo e giugno 2020 sono state 15.280, più del doppio che nello stesso periodo del 2019. Le donne chiuse in casa erano ancora più esposte agli abusi degli uomini maltrattanti.

Ma i cronici  ritardi nei finanziamenti e la mancanza di un coordinamento tra le istituzioni sui territori. In pratica si sono allungati tutti i percorsi  per ogni genere di provvedimento dal più leggero al più grave.

Il 21 marzo,  il dipartimento delle Pari Opportunità della presidenza del Consiglio dei ministri ha dichiarato che le spese in più dovute all’epidemia sarebbero state a suo carico e addirittura il ministro dell’Interno ha chiesto a tutti i prefetti di attivarsi per trovare strutture idonee.

I fondi non sono ancora arrivati e i centri antiviolenza sono in sofferenza e rischiano addirittura di chiudere, come purtroppo anche il nostro unico ed efficiente centro “Erinna” che sta andando avanti solo con il loro volontariato.

Purtroppo solo 5 regioni hanno iniziato a trasferire i fondi dello scorso anno, e solo parzialmente: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lombardia Molise e Veneto, e il dipartimento delle Pari opportunità non ha ancora firmato il decreto per stanziare i nuovi fonti.

 A questo punto mi sento di lanciare tre appelli: il primo al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti per quanto dovuto alla sua Regione e in qualità di Segretario del Partito Democratico di intercedere presso il governo centrale; il secondo al nostro sindaco Giovanni Arena affinché tra le tante donne in consiglio, ne individui una che si possa occupare di tutte le problematiche delle donne. L’ultimo al Presidente della Provincia Nocchi, che dopo 4 anni e tre bandi, ho appreso dalla stampa, è riuscito a nominare la Consigliera di Parità Provinciale. “Si attivi presidente, perché la nostra provincia non ha bisogno solo di strade: su quelle strade le donne ci muoiono ogni giorno.

Daniela Bizzarri
Membro dell’Assemblea Regionale Partito Democratico


Condividi la notizia:
25 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR