Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ripartiamo da San Pellegrino - Una ricerca sul campo di alcuni studenti dell'università degli studi della Tuscia racconta come è ridotto un pezzo importante del patrimonio cittadino - FOTO E VIDEO

Topi, insetti, polvere e incuria… l’abbandono del museo civico di Viterbo

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo – Topi, insetti, polvere e incuria. L’abbandono del museo civico di Viterbo. Proprietà comunale. Con le opere allestite male, qualcuna con qualche piccolo danno qua e là, un’illuminazione che le potrebbe mettere a rischio. E non da ultimo, porte, finestre e ingressi sostanzialmente da rivedere. Infine pare anche che il museo abbia una questione aperta con i topi. Le scatole per esca, pure belle robuste, stanno un po’ dappertutto. Una di queste è appoggiata alla bene e meglio addosso a un’antica campana. 

Il museo civico di Viterbo sta a piazza Crispi, fuori le mura. Ed è abbandonato a sé stesso. E sembra andare avanti solo grazie alla buona volontà di custodi e amministrativi che con il loro lavoro fanno di tutto per renderlo almeno presentabile. A raccontare cosa è diventato oggi il museo di piazza Crispi è la relazione di un gruppo di studenti del corso di laurea magistrale in conservazione e restauro dei beni culturali dell’Università della Tuscia che all’inizio di quest’anno, prima che tutto chiudesse con il Covid, hanno rigirato il civico come un calzino e studiato l’ambiente museale da capo a piedi. Allestimenti, illuminazione, stato di conservazione delle opere e monitoraggio entomologico, ossia dispositivi per controllare gli infestanti. In sintesi, per capire se in giro ci sono insetti. E al museo civico, a quanto pare ci sono. Non è certo l’invasione delle cavallette, ma se non si fa da subito argine, le cavallette poi alla fine arrivano.


Viterbo - Museo Civico

Viterbo – Il Museo Civico Luigi Rossi Danielli


I report derivati dal lavoro degli studenti, presentati poi nel corso di un esame la scorsa estate e che riportano in alto i loghi dell’Unitus, del Dibaf e del corso, raccontano le condizioni di incuria e abbandono del museo civico Luigi Rossi Danielli. Il più illustre degli sconosciuti. Non Rossi Danielli, che era un importante archeologo viterbese di fine ottocento, ma il museo stesso. Poco frequentato e circa 15 anni fa vittima pure di un crollo da cui non si è più ripreso, dato che le sale I e IX sono ancora chiuse.

L’obiettivo dello studio “è stato quello – spiegano gli studenti nel report dedicato all’ambiente mussale – di individuare i fattori di pericolosità legati alle caratteristiche ambientali, strutturali e di gestione di sale espositive, al fine di sviluppare metodologie atte a migliorare le condizioni conservative dei beni”.



Il museo di piazza Crispi risale al 1955. E’ la data di riapertura al culto della chiesa che gli sta accanto. Santa Maria della Verità, con gli affreschi di Lorenzo da Viterbo, bombardata nel 1944 e successivamente restaurata da Cesare Brandi, che proprio a Viterbo, intervenendo sullo Sposalizio della vergine della cappella Mazzatosta, elaborò la teoria moderna del restauro. Il 25 maggio del 2005 il museo subì un grave crollo con danni a carico soprattutto della sala IX. Da quel momento è rimasto chiuso. Fino al 23 ottobre 2014. Quando è tornato nuovamente fruibile. Dopo quasi 10 anni di serrata. E con due sale che ancora non si possono visitare.


Viterbo - Museo civico - Anonimo, Madonna con Bambino, XIII secolo n- Particolare dei sollevamenti sulla mano sinistra della Vergine

Viterbo – Museo civico – Anonimo, Madonna con Bambino, XIII secolo n- Particolare dei sollevamenti sulla mano sinistra della Vergine


Una struttura prestigiosa di suo. Il museo è ospitato infatti nel chiostro duecentesco e nei locali del convento annessi alla chiesa di Santa Maria della Verità. Di fronte le mura, con i resti del palazzo di Federico II e la vecchia Porta San Matteo dove nel 1867 vennero uccisi tre garibaldini. Attorno a sé, la piazza più laica di Viterbo. Piazza Crispi, il presidente del consiglio che alla fine dell’ottocento volle la statua di Giordano Bruno a Campo de’ Fiori a Roma. Dove la chiesa l’aveva bruciato vivo. Con il corpo sparato dritto verso il Vaticano e la cupola di San Pietro, ma lo sguardo rivolto a terra. A mo’ di monito. Una black pantera ante litteram. Carlos e Smith un secolo prima. 


Viterbo - Museo Civico

Viterbo – Museo Civico – Sarcofagi etruschi


Alle spalle del museo ci sono invece i quartieri della media borghesia viterbese. Quella degli anni ’60 e ’70, figlia in parte di una lunga tradizione risorgimentale e mazziniana che, nell’impianto dei quartieri che ha creato, sembra aver preso spunto dal liberty di viale Trieste, dandogli seguito e respiro. Accogliendo a valle, e all’interno di un unico disegno, anche il lungo serpentone delle case dei ferrovieri e a sud, fino all’istituto Paolo Savi, via Pietro Vanni e gli splendidi cortili delle architetture popolari dei palazzi che gli stanno accanto.


Viterbo - Museo Civico

Viterbo – Museo Civico – Vitale da Bologna, Madonna con Bambino, cardinale e santo vescovo, metà XIV secolo


Parlando della sala VI del museo gli studenti scrivono. “Tra queste ci sono opere (in particolar modo i dipinti su tavola e la scultura bronzea) che necessitano urgentemente di operazioni di pronto intervento. L’acquamanile, nonostante sia conservato all’interno di una teca ad esso interamente dedicata, presenta un innesco di corrosione del metallo in atto. Il materiale costituente della teca, inoltre, risulta alterato, opacizzata, non consentendo una corretta fruizione dell’opera stessa. Per quanto riguarda i dipinti su tavola, sono plurime le situazioni in cui risultano fondamentali, e altamente necessari, interventi di consolidamento e riadesione, per evitare la caduta, e perdita, di strati pittorici originali”.

Le opere in questione, individuate dagli studenti, sono in particolar modo tre. La Madonna con bambino, tempera su tavola trasportata su tela, la Madonna in trono con bambino e angeli, tempera su tavola, e la Madonna con bambino, cardinale e santo vescovo, tempera su tavola. 


Viterbo - Museo Civico

Viterbo – Museo Civico – Vitale da Bologna, Madonna con Bambino, cardinale e santo vescovo, metà XIV secolo


Il museo civico si dispone su tre livelli espositivi e 32 locali, articolati all’interno di due grandi scansioni cronologiche. L’evo antico negli ambienti del chiostro e nel piano interno inferiore, il medioevo e l’età moderna ai piani superiori. Il progetto di allestimento è dell’architetto Franco Minissi.


Viterbo - Museo Civico

Viterbo – Museo Civico – Crepe sui muri


Il chiostro e le sale al pianterreno (sezione archeologica) ospitano i reperti provenienti dal territorio viterbese (VIII secolo a.C. – III d.C.). Al primo piano (sezione di arte medievale e moderna) è esposta invece la sezione storico-artistica, formata nel XIX secolo a seguito dell’espropriazione dei beni ecclesiastici della città. La pinacoteca presenta opere che vanno dal XII al XV secolo. L’ultimo piano (sezione arti minori) è dedicato infine alle arti minori e alle memorie storiche. Ci sono anche diverse collezioni. Dalla numismatica a cinquantasei bozzetti cartacei settecenteschi della Macchina di Santa Rosa. Notevoli inoltre le ceramiche da farmacia del XVIII secolo, provenienti dall’Ospedale grande degli infermi, e dei cliché fotomeccanici.


Viterbo - Museo Civico

Viterbo – Museo Civico – Anonimo di scuola romana, Madonna in trono con Bambino e angeli, XIII secolo – Fenditura della tela e sollevamento vicino all’occhio


A causa del crollo del 2005 il museo ha subìto importanti modificazioni. “La chiusura di alcune sale (Sala I e Sala IX, gli ambienti più spaziosi) – scrivono gli studenti di Beni culturali nel loro report – ha reso necessario il trasferimento di alcune opere, in parte nei depositi e in parte all’interno di altre sale”.


 

Viterbo - Museo Civico - Madonna in trono del XIII secolo con fenditura della tela e sollevamento vicino all’occhio

Viterbo – Museo Civico – Madonna in trono del XIII secolo con fenditura della tela e sollevamento vicino all’occhio


“L’esclusione della Sala I dall’ambiente espositivo ha inoltre comportato un cambiamento nel percorso museale. L’attuale entrata corrisponde, in realtà, all’originale uscita. Attualmente, quando il turista entra nel museo, si inserisce nella parte terminale del percorso, ed è così costretto a visitare la sezione archeologica al contrario, seguendo una numerazione delle sale errata e apparentemente non ragionata”.


Viterbo - Museo Civico

Viterbo – Museo Civico – Opere d’arte con cavi a penzoloni 


Anche porte e finestre del museo non sarebbero messe benissimo. Al centro della parete ovest della sala VIII (arte medievale e moderna) “è presente – spiega il report dell’Unitus – una finestra a doppia anta con scuri e apertura verso l’interno. Pur non essendo dotata di filtri con funzione di abbattimento di radiazioni luminose pericolose per i beni esposti, vista la presenza degli scuri che rimangono sempre chiusi, non rappresenta un fattore di rischio. Essa presenta danni di lieve entità come una piccola lesione del telaio nella parte bassa di destra e infiltrazioni evidenti sul lato sinistro. La sala sembra non essere completamente isolata dall’ambiente esterno a causa dei danni a carico della finestra. Inoltre, come già detto, la sala confina a nord con l’ala dismessa dell’edificio alla quale si accedeva attraverso un passaggio ora tamponato con una parete di cartongesso che però non sigilla perfettamente l’apertura”.


Viterbo - Museo Civico

Viterbo – Museo Civico – Le campane con la trappola per topi


L’altro fronte è poi quello dell’allestimento che dopo il crollo del 2005 dà tutta l’impressione d’essere un po’ raffazzonato. Scatole da esca per topi buttate là dove capita. Quadri schiaffati al muro a colpi di stop e tondino e con la base del telo per le proiezioni a poggiare su una cornice. Ci sono pure i cavi che penzolano come a San Pellegrino. Per non parlare delle crepe sui muri e delle didascalie alle opere che sembrano ritagliate a mano da un bambino delle elementari. La polvere poi, come gli stessi studenti hanno rilevato ovunque, è dappertutto. E la porta murata della sala IX non è di certo un bel vedere. 


Viterbo - Museo Civico

Viterbo – Museo Civico – La campana con la trappola per topi


A proposito di allestimento, gli studenti si concentrano su una vetrina, tre pannelli espositivi, sei pannelli vincolati alle pareti, una mensola e un basamento della sala VIII e scrivono. “I primi tre pannelli espositivi sono ancorati al pavimento e alla grata metallica che è posizionata appena sotto al sistema di illuminazione generale della sala. Questi supporti sono concepiti per essere modulari e per poter essere spostati facilmente in funzione del tipo di esposizione richiesta. Si trovano al centro della stanza in posizioni sfalsate, e, come i display parietali, sono realizzati in legno compensato impiallacciato e verniciato”.


Viterbo - Museo Civico

Viterbo – Museo Civico – La campana con la trappola per topi


Infine la questione topi. In più punti del museo ci sono scatole da esca. Come se il problema legato alla loro presenza fosse non da poco. Una di queste è appoggiata a un’antica campana. Così. Come se niente fosse.

Daniele Camilli


 Multimedia: Fotogallery: Il museo civico di piazza Crispi – Video: Incuria e abbandono


Condividi la notizia:
6 novembre, 2020

Ripartiamo da San Pellegrino ... Gli articoli

  1. Piazza San Carluccio, i cavi sono stati tolti e il muro ripulito
  2. "Che fine hanno fatto i pesci e le tartarughe di pratogiardino Lucio Battisti?"
  3. Verranno restituiti alla città i quadranti dell'orologio della torre di piazza del Comune
  4. Necropoli di Norchia, tombe etrusche e "bocconi avvelenati"
  5. "Via San Lorenzo, un tratto di strada vergognoso, i lavori non potevano più rinviare"
  6. Via San Lorenzo, i lavori che tagliano in due la città
  7. "Ho comprato la torre della Malta per amore di Dante e di Viterbo"
  8. Le cinque discariche della stazione dei treni di Porta Romana
  9. Buche, crepe e sampietrini al catrame, lo stato indegno delle strade di Viterbo
  10. Il comune di Viterbo taglia l'ortica in centro e fa le pulizie di Pasqua
  11. Anche palazzo dei Priori è stato gettato alle ortiche...
  12. "Decoro urbano, il comune di Viterbo può richiedere contributi fino a 20 milioni di euro"
  13. Suffragio, via Bussi e Sant'Egidio... un centro storico buttato alle ortiche
  14. "Pratogiardino Lucio Battisti verrà restituito ai viterbesi"
  15. Giovanni Arena: "Cassia sud... adesso mi incazzo!"
  16. Cassia sud, la strada riapre ma gli operai del cantiere si oppongono...
  17. Bullicame, torna a ribollire l'acqua di Dante... ma il parco è deserto
  18. Cassia sud, due discariche di rifiuti abusivi all'ingresso del parco di Cornelia
  19. Il marciapiede "dimezzato" di Ponte dell'Elce...
  20. Crocetta, a rischio crollo la balaustra della chiesa
  21. Il comune punta a rilanciare e riqualificare il museo civico e il ponte Camillario
  22. Il centro storico assediato da transenne e lavori in corso
  23. Capriate, termoconvettori, telecamere e luci... lavori in corso al museo Rossi Danielli
  24. Giovanni Arena: "Scatole e fili abbandonati vanno tolti, altrimenti interverrà il comune"
  25. Dipinti distrutti e legno sgretolato, le porte cittadine nel degrado e abbandonate
  26. A Viterbo una transenna non si nega a nessuno, nemmeno al ponte Camillario...
  27. I cavi di piazza San Carluccio stanno ancora lì, nonostante l'intervento di prefetto e vigili del fuoco
  28. Unitus, una discarica nell'ex caserma di via Palmanova
  29. Biblioteche Viterbo, "la maleducazione dell'università della Tuscia" e il manifesto di viale Trento...
  30. Polo Unitus all'ex caserma Palmanova, al via i lavori
  31. Biblioteca comunale di Viterbo... quando parcheggiavano il motorino in mezzo ai libri antichi
  32. "Biblioteca Viterbo, il comune farà la sua parte per salvare e valorizzare Palazzo Santoro"
  33. "Per valorizzare le fontane di Viterbo va istituito un Commissario delle acque"
  34. Laura Allegrini: "Fontane, condivido le parole di Ricci e sono pronta a sostenere il suo emendamento"
  35. Alvaro Ricci: "Le fontane si potevano salvare, ma la giunta Arena disse no..."
  36. Degrado in città, transenne "pericolose" per i pedoni al semaforo di porta Romana
  37. Transenne di Natale in via San Girolamo...
  38. Il Paese delle fiabe compie tre anni
  39. "Salvato l'affresco di Matteo Giovannetti a Pianoscarano, capolavoro del Trecento viterbese"
  40. Giovanni Arena: "Museo civico, positiva e importante la proposta di rilancio presentata dall'opposizione"
  41. Il balcone delle meraviglie in piazza del Comune...
  42. Decine di opere d'arte del museo civico Rossi Danielli sparse per la città...
  43. Rilancio del museo civico: trenta per cento di spazi in più, sotterranei visitabili e un meeting point
  44. "Il museo civico è abbandonato e le sue opere sono tenute male..."
  45. "Pietà e Flagellazione sono tenute male e il civico più che un museo sembra un magazzino"
  46. La torre "azzoppata" di via della Pace...
  47. "Museo civico, chiederò l'accesso agli atti per capire meglio cosa hanno fatto gli studenti di beni culturali e a che titolo"
  48. L'eterna saga dei cavi a Piazza San Carluccio che il comune ancora non ha tolto...
  49. Pianoscarano, l'erba in via dei giardini ha circondato pure Padre Pio...
  50. "Appena possibile il dipinto del '700 sarà nuovamente visibile"
  51. Il ponte Camillario rischia di scomparire e con i luoghi dove furono uccisi Ilario e Valentino
  52. Sebastiano del Piombo danneggiato e trafitto dall'incuria
  53. Lo scandalo della facciata graffita di via Annio, violentata da tubi, incuria e abbandono
  54. "Centro storico, per risolvere i problemi di incuria e degrado ci sono soldi e strumenti, ma il comune non ha idee e non vuole farlo"
  55. "Ho ripulito la zona davanti a Santa Maria delle Fortezze, il comune venga almeno a ritirare i sacchi"
  56. Il dipinto del '700 "scomparso" sta per essere restaurato
  57. Il dipinto del '700 "scomparso" in via Saffi...
  58. Il cimitero di San Lazzaro tra monumenti e degrado
  59. L'arco dell'incuria, abbandonato a sè stesso e con le transenne che stanno lì da mesi
  60. Nella Spoon River cittadina ci sono testimoni preziosi e irripetibili
  61. Via delle Mole... dove per colpa del degrado la gente rischia di rompersi il collo
  62. Niente museo della macchina di santa Rosa, il centrodestra preferisce le lucine di Natale
  63. "Ecco come viene tenuto in considerazione il nostro patrimonio culturale"
  64. "Salvaguardiamo la bellezza del quartiere San Pellegrino che tutto il mondo ci invidia"
  65. Il muro a piazza San Carluccio verrà ripulito per poi mettere in sicurezza i cavi...
  66. Salviamo la Spoon River della città di Viterbo
  67. E' il tempo che abbiamo speso per la nostra città a renderla così importante...
  68. Il degrado parte dal centro storico e arriva fino alle frazioni
  69. Va in malora pure la finestra di piazza del comune da cui si sono affacciati papi e primi ministri
  70. "Il sindaco pensa al quartiere medievale mentre Bagnaia rimane un territorio di serie C"
  71. "La questione del centro storico va risolta e i cavi elettrici deturpanti vanno sistemati..."
  72. Transennato anche il muro che rischia di cadere davanti alla stazione di porta Romana
  73. L'abbandono di via delle Caprarecce, tra buche e transenne che stanno lì da anni
  74. Viterbo-Amsterdam 1-0, a piazza San Carluccio cavi elettrici transennati
  75. "Abbiamo restaurato il ponte sul torrente Freddano per amore della nostra terra"
  76. A San Pellegrino? Facciamo un po' come cazzo ci pare...
  77. Sopralluogo di e-distribuzione nel quartiere medievale "per effettuare lavori sugli impianti"
  78. Fogne a cielo aperto a via Santa Maria delle Rose, in pieno centro storico
  79. I cavi elettrici di piazza San Carluccio stanno ancora lì... nonostante tutto
  80. Incredibile il sindaco Arena non è ad Amsterdam e afferma: "Indecorosi i cavi esterni che deturpano le facciate..."
  81. I cavi elettrici di piazza San Carluccio pendono ancora sulle teste delle persone
  82. Cavi elettrici a rischio a San Carluccio, ci mette mano il prefetto
  83. "Viterbo 'turistica' sotto il palazzo dei Papi"
  84. Ma se non riescono a togliere fili pericolosi o stappare un tombino, come fanno a guidare una città?
  85. Cavi elettrici a rischio e incuria a piazza San Carluccio
  86. I fili e l'incuria che strangolano via e piazza San Pellegrino...
  87. Ebbene sì, il sindaco e la sua giunta vivono ad Amsterdam...
  88. Ma il sindaco Arena e la sua giunta vivono ad Amsterdam?
  89. Il muro di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana rischia di crollare
  90. "Ho pulito il marciapiedi davanti alla stazione di Porta Romana perché mi sono vergognato per come era tenuto"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR