Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sanità - Protocollo Asl-comune, che lanciano l'allarme: "Nella Tuscia disturbi in crescendo" - La struttura prevede anche una residenza per ospitare i piccoli pazienti e le loro famiglie

Un centro d’eccellenza per bambini autistici a Tessennano

di Raffaele Strocchia

Condividi la notizia:

Tessennano

Tessennano

Tessennano – Protocollo tra la Asl e il comune di Tessennano per la realizzazione di un centro d’eccellenza per bambini e adolescenti autistici.

La struttura, che si svilupperà in due immobili comunali, sarà divisa in un cento diurno per i servizi sanitari e assistenziali e in uno residenziale per ospitare i piccoli pazienti e le loro famiglie.

Un’iniziativa importante perché, come emerge dall’atto, finora “nella provincia di Viterbo, nella Asl Roma 4 e in quelle delle confinanti province di Grosseto, Siena e Terni non sono presenti strutture adeguate per il trattamento dei disturbi dello spettro autistico”. Disturbi che tra i bambini – scrivono Asl e comune nel protocollo -, sia a livello nazionale che provinciale, sono purtroppo in crescendo e che richiedono, con costi sociali ed economici rilevanti, un costante impegno delle famiglie per garantire l’assistenza sanitaria opportuna.

Ma cosa sono i disturbi dello spettro autistico?
“Un insieme eterogeneo – spiegano Asl e comune di Tessennano nel protocollo – di alterazioni del neurosviluppo legate a un’anomala maturazione cerebrale che inizia già in epoca fetale, molto prima della nascita del bambino. Il disturbo si presenta in modo molto variabile da caso a caso, ma in generale è caratterizzato dalla compromissione della comunicazione e dell’interazione sociale e dalla presenza di interessi e comportamenti ristretti e ripetitivi. Questa categoria diagnostica comprende i differenti sottotipi cui si faceva riferimento in passato: ad esempio disturbo autistico, sindrome di Asperger, disturbo generalizzato/pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato, disturbo autistico ad alto funzionamento”.

Il protocollo, che avrà durata quinquennale salvo proroghe o rescissioni, prevede che la Asl “individui le attrezzature, apparecchiature e arredi necessari per il completamento del centro, individui le prestazioni socio sanitarie e assistenziali che possono essere poste a carico del servizio sanitario nazionale, individui le procedure di accreditamento e convenzionamento del centro, stabilisca con il comune i criteri per la selezione dell’organismo che sarà incaricato della gestione del centro e di espletare le prestazioni, monitori e controlli l’organo gestore e la qualità delle prestazioni rese”.

Per il comune di Tessenanno, invece, “l’impegno è di espletare la gara d’appalto per le forniture di arredi e attrezzature e di mettere a disposizione degli immobili nella sua disponibilità affinché possano essere arredati e attrezzati adeguatamente”.

Raffaele Strocchia


Condividi la notizia:
19 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR