--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Escrementi, erbacce e recinzioni rotte - Fotocronaca

Ferento, un gallinaio sporco e abbandonato

Condividi la notizia:

L'anfiteatro sporco, chiuso e pieno di erbacce

La rete sfindata vicino all'ingresso chiuso

L'erba sugli spalti

Gli escrementi di piccione ricoprono tutto

I sacchi di immondizia

Due signore guardano sconcertate Ferento ridotto a un "gallinaro"

– Ferento, un gallinaio sporco abbandonato e per di più chiuso a chi volesse tentare l’impresa di visitarlo.

Era uno dei gioielli antichi di Viterbo. A due passi dalla città, immerso nel verde e facile da raggiungere per viterbesi e turisti.

Eppure è rimasto del tutto abbandonato.

Le gradinate sono invase dall’erbaccia in più punti, così come la zona riservata al palco.

Ma c’è di più. A decorare l’antico teatro e le tombe adiacenti c’è un abbondante strato di escrementi di piccione.

Come se ancora non bastasse, poi, una recinzione di fili di ferro,proprio a mo’ gallinaio, chiude l’accesso a chi, magari anche per sbaglio, volesse andare a visitare quello che un tempo era un gioiello di architettura.

La parietaria assedia ogni scalino e il rischio più grande è che spacchi le pietre provocando danni ancor maggiori alla struttura.

Stesso problema per gli escrementi che stanno creando degli strati alti qualche centrimentro che corrodono e infestano l’anfiteatro.

La recinzione, debole e poco curata, è stata rotta e sfondata in almeno tre punti. Un atto che può sembrare vandalico ma, per spezzare una lancia a favore di chi l’ha compiuto, un atto che è quasi dovuto dal momento che rompere la recinzione pare sia l’unico modo per provare a visitare Ferento.

Non mancano, infine, splendidi sacchi di immondizia, scopettoni abbandonati e sporcizia varia, che completano la decorazione del teatro, delle tombe e di quella che una volta, tanto tempo fa, era la casa del custode.

Di chi sia la competenza o la responsabilità del posto, che si tratti del Comune, della Provincia, o di qualunque altro ente, è chiaro che un intervento appare quanto mai necessario.

Ci sono città in Italia e all’estero che i monumenti se li inventano se non li hanno, oppure tengono quelli che ci sono come vere perle da ammirare e proteggere.

Un capolavoro di storia e architettura del genere, lasciato allo sbaraglio e, al massimo, riesumato per qualche settimana all’anno per ospitare gli spettacoli estivi, è un vero e proprio spreco e un “insulto” a una città che dice di voler puntare sul turismo.


Condividi la notizia:
2 maggio, 2011

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR