--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - Polizia - Due uomini in manette all'interno dell'operazione "Kunta Sing"

Schiavizzavano operai, arrestati

Condividi la notizia:

Una pattuglia della polizia

Una pattuglia della polizia

– Schiavizzavano operai, primi due arresti dell’operazione “Kunta Sing”.

Nelle prime ore del pomeriggio gli agenti del commissariato di Tarquinia, coordinati dal vicequestore Riccardo Bartoli, hanno portato al carcere “€œRegina Coeli”€ di Roma i primi due imprenditori indagati per sfruttamento e riduzione in schiavitù di lavoratori indiani.

Le prove raccolte dagli investigatori, sotto la direzione del sostituto procuratore della Repubblica della direzione distrettuale antimafia Roberto Staffa, sono risultate idonee e utili ai fini della prova. Tanto che il giudice per le indagini preliminari di Roma ha applicato  la misura cautelare della detenzione in carcere a carico di due imprenditori.

Si tratta di L.T. 45enne e  S. B. 52enne entrambi residenti a Tarquinia.

Gravissimo il reato contestato. In base all’articolo 600 del codice penale gli imprenditori sono accusati di riduzione in schiavitù, con pene  da 8 a 20 anni.

I lavoratori stranieri, secondo la polizia, erano stati soggiogati psicologicamente, costretti a lavorare anche 14 ore al giorno senza ferie o riposi, per una paga di 100 euro mensili.  Abitavano in luride stalle prive di servizi igienici, fredde, e infestate da topi.

Le indagini, che proseguono,  hanno  portato ad altre perquisizioni e sequestri.


Condividi la notizia:
23 luglio, 2011

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR