Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La polemica sui gay sbarca su Twitter

Fioroni: “Mi indigna essere chiamato omofobo”

di Elisa Cappelli

Condividi la notizia:

Giuseppe Fioroni

– “Io sono #fioroni e non altri chiaro Si a #diritti civili, no a matrimoni gay. La differenza tra democrazia e demagogia”.

Questo uno dei tweet di Giuseppe Fioroni. L’ex ministro del Pd non fa in tempo a lanciare la sua sfida a Bersani che è già nata una discussione su Twitter.

Tra i cinguettii che si sono scatenati sul suo profilo spicca quello della deputata Pd Anna Paola Concia che si diverte a provocare Fioroni.

“#Fioroni si candidati così ci divertiamo, e finalmente stabiliamo quello che già sai: che sei in minoranza ; – )”. La risposta di Egidio da Viterbo (alias Fioroni) non tarda ad arrivare e risponde con un secco “@annapaolaconcia nn ho voglia di contificio ne fa notizia il mio no ai matrimoni gay o all’eutanasia ne ho mai detto no ai diritti e lo sai”.

Qualcuno però sembra dargli man forte proponendogli una domanda.

“Posso chiederle educatamente cosa risponderebbe a un omosessuale che chiede di poter assistere il coniuge in ospedale @egidiodaviterbo?”. “@MatteoMaltinti che ne ha pieno diritto – risponde l’ex ministro – io sono per riconoscere i diritti e nn favorevole ai matrimoni”. “@egidiodaviterbo allora la pensiamo esattamente allo stesso modo! E non posso che esserne felice” è la risposta del suo interlocutore.

Ma stufo di tutte le polemiche e le accuse che gli si stanno parando contro Egidio da Viterbo sbotta in un ultimo tweet. “Mi indigna profondamente sentirmi da alcuni chiamare omofobo quando per storia e cultura il rispetto dell’altro e’ la mia vita”.

Ma a fare un brutto scivolone sui gay non è soltanto Fioroni. A dargli man forte anche il calciatore Antonio Cassano durante un’intervista.  “Froci in squadra? Spero di no! Ci sono froci nello spogliatoio? Sono problemi loro e non mi riguarda. Però mi auguro che non ci sono veramente in nazionale” dice rispondendo all’affermazione di Cecchi Paone sulla presunta presenza di tre gay in nazionale”.

Le due gaffe della giornata arrivano all’orecchio di Giuseppe Cruciani, conduttore del programma radiofonico “La zanzara” che, commentando le due uscite poco felici, esclama riferendosi ad una fantomatica candidatura a due: “Sarebbe un bel ticket!”.

Elisa Cappelli


Condividi la notizia:
13 giugno, 2012

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR