Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Scuola - Il sindaco Gianluca Angelelli scrive al presidente della Provincia Marcello Meroi

Si riporti il liceo scientifico a Civita Castellana

Condividi la notizia:

Il sindaco di Civita Castellana Gianluca Angelelli

Il sindaco di Civita Castellana Gianluca Angelelli

Riceviamo e pubblichiamo – Gentile presidente,

colgo l’€™occasione della prossima delibera con la quale il consiglio provinciale riconoscerà un vero e proprio debito fuori bilancio per la locazione dei locali privati destinati al liceo scientifico di Nepi per porle alcune domande, con la speranza di animare un sereno confronto su quello che è oggi la politica e su quello che (forse) dovrebbe essere.

L’antefatto è questo. Nel 2008 la Provincia di Viterbo ha attivato un nuovo corso di liceo scientifico con indirizzo linguistico a Nepi, prendendo in locazione alcuni spazi da un privato. Si “€œaffittano” solo 368 mq ad un canone stabilito, ma già dall’€™anno successivo questi spazi non sono più sufficienti. Si legge nella relazione che accompagna la delibera che la necessità di nuovi spazi era “€œimprevedibile”€ e dovuta ad un inatteso afflusso di studenti rispetto a quelli attesi.

La cosa appare veramente sorprendente! Solitamente quando si attiva un corso di studi bisogna prevedere che chi inizia il primo anno finisce cinque anni dopo. Nel frattempo una sezione che parte con la prima classe ne ha sviluppate cinque…

Mi chiedi e le chiedo se questa intuizione sia veramente imprevedibile. Mi spiego meglio. I 368 mq locati, quante classi prevedevano? Il contratto è rimasto invariato dal 2008 ad oggi, ora ci dica quante classi “€œnon entrano”€ nei 368 mq locati allora, così sapremo da quando e chi ha responsabilità per il debito fuori bilancio.

Nel frattempo, nel 2010, la Provincia di Viterbo da lei guidata ha autorizzato al liceo di Nepi anche l’€™attivazione dell’indirizzo scientifico. Non mi dilungo sul come (non abbiamo ancora capito quanti ragazzi aveva quella prima classe), eppure la politica, non forze imprevedibili, ma la politica ha autorizzato un ulteriore incremento di studenti in quel liceo. Sempre fermi i 368 mq locati.

Lei lo sapeva, o doveva saperlo, e non ha battuto ciglio.

In consiglio provinciale il sottoscritto venne a “€œgridare”€ che era un’€™assurdità quello che stavate facendo, che utilizzavate denaro pubblico per far crescere una scuola in un edificio privato mentre svuotavate il liceo scientifico di Civita Castellana e quello di Ronciglione, di proprietà pubblica della provincia.

Insomma, mi scusi, ma dire che era imprevedibile quello che è successo mi sembra veramente un assurdo! Il sindaco di Civita Castellana e quello di Ronciglione glielo dissero con chiarezza dinanzi al provveditore provinciale e tutti gli altri sindaci della provincia intervenuti nelle riunione plenaria convocata a via Saffi, senza avere particolari doti da veggenti.

La realtà è un’altra, e va detta.

La Provincia di Viterbo, anziché farsi carico di scelte decise in base alle concrete necessità dei territori e nell’€™interesse di tutti, ha ceduto agli interessi politici istituendo dove non vi era necessità scuole che non avrebbero dovuto essere aperte: che senso hanno tre licei scientifici a distanza tanto ravvicinata (Nepi, Civita e Ronciglione), a fronte di un dato sostanzialmente invariato di utenti complessivi?

Addirittura la sede del liceo scientifico di Nepi è stata aperta dallo stesso istituto che ha sede a Civita Castellana: l’€™ISS Colasanti, un liceo che apre una sua succursale in un altro paese, in edifici privati, e ci sposta insegnanti propri! Nemmeno un altro istituto!

Ma questa scelta che è servita a glorificare la politica, ha un costo di oltre 60mila euro l’€™anno che potevano essere risparmiati ai cittadini della Provincia semplicemente facendo la scelta giusta: utilizzare gli spazi pubblici della Provincia di Viterbo e non quelli dei privati; razionalizzare le scuole tenendo conto delle realtà territoriali anziché del colore politico degli amministratori locali.

Venerdì voterete in consiglio un debito fuori bilancio di cui è responsabile la politica di questa Provincia, altro che imprevedibilità.

Ma la cosa più incredibile è che con la medesima delibera vorreste continuare a perseverare nell’€™errore sulle spalle dei cittadini! A Civita Castellana ci sono aule libere, lasciate da quegli studenti trasferiti a Nepi. Ma è possibile deliberare l’€™autorizzazione alla conclusione di un nuovo contratto con il privato mentre le vostre aule sono vuote? Sarà imprevedibile anche questo?

Faccia la cosa giusta, signor presidente, riporti a Civita Castellana il liceo scientifico nelle aule che i cittadini di questa provincia hanno già pagato, anche quest’€™estate quando sono state finalmente rimodernate ed è stata costruita la nuova palestra e dimostri che la politica ha ancora un minimo di credibilità.

Gianluca Angelelli
Sindaco di Civita Castellana


Condividi la notizia:
10 settembre, 2012

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR