--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Il consigliere Luzi (Pd) invita il presidente della provincia a prendere una posizione netta dopo le dichiarazioni del ministro Clini

“Rifiuti di Roma a Viterbo, Meroi dica no”

Condividi la notizia:

Mirco Luzi, sindaco di Castiglione in Teverina

Mirco Luzi

Riceviamo e pubblichiamo – Le dichiarazioni del ministro dell’Ambiente Corrado Clini pubblicate sul quotidiano la Repubblica di oggi inerenti alla sua volontà di portare i rifiuti di Roma a Viterbo per far fronte all’emergenza della Capitale inducono a chiamare in causa direttamente il presidente della Provincia di Viterbo Marcello Meroi per prendere una netta posizione, dichiarando la contrarietà che a Viterbo possano essere conferiti i rifiuti di Roma Capitale.

Già da anni a Viterbo si conferiscono i rifiuti della provincia di Rieti e a questi non è assolutamente possibile che si aggiungano anche quelli di Roma.

La Tuscia non deve diventare la discarica della Regione Lazio. Il nostro territorio nel corso di questi anni di malgoverno regionale guidato da Renata Polverini ha già pagato un prezzo troppo alto che ha generato conseguenze negative sui viterbesi dalla sanità ai trasporti, dall’acqua alle infrastrutture e solo per citarne alcune. Ora dobbiamo pagare una servitù di questo genere nei confronti di Roma?

Il nostro territorio deve essere assolutamente salvaguardato dai rifiuti di Roma dove in questi anni tra il sindaco Alemanno e il presidente della Regione Polverini c’è stato un continuo scarica barile in merito alle decisioni da assumere per risolvere il problema dell’esaurimento della discarica di Malagrotta. Ma ora non deve essere la Tuscia a pagarne le conseguenze riversando sul nostro territorio i rifiuti di una metropoli come Roma.

Il presidente Meroi dunque dichiari immediatamente la contrarietà al conferimento dei rifiuti di Roma a Viterbo, convocando un apposito consiglio provinciale. Inoltre, ritengo che sia anche ora da parte di questa amministrazione provinciale di disporre un nuovo piano provinciale dei rifiuti, visto che dopo due anni e mezzo che si è insediata non ha ancora avviato la redazione del piano, strumento essenziale per la gestione dei rifiuti nella nostra provincia e soprattutto ancora più necessario per dare impulso alla raccolta differenziata che nella Tuscia permane troppo bassa rispetto alla media nazionale.

Mirco Luzi
Consigliere provinciale del Partito democratico


Condividi la notizia:
30 dicembre, 2012

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR