Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Confartigianato - Il presidente Stefano Signori interviene sulla vicenda del parco fotovoltaico di Montalto di Castro

“Faremo di tutto per riavere i nostri soldi”

di Francesca Buzzi
Condividi la notizia:

Cristofari, Signori e De Simone

Cristofari, Signori e De Simone

Stefano Signori

Stefano Signori

Andrea De Simone

Andrea De Simone

Fabrizio Cristofari

Fabrizio Cristofari

– “Faremo di tutto per riavere i nostri soldi perché chi lavora deve essere retribuito”.

E’ pronto ad andare fino in fondo Stefano Signori, presidente di Confartigianato, sulla questione del parco fotovoltaico di Montalto di Castro.

Una vicenda che si trascina ormai da anni e ha coinvolto diverse di imprese della Tuscia entrate in un vortice dal quale ora non riescono più a uscire.

“Tutto è partito da una grossa azienda estera che ha commissionato la costruzione del parco fotovoltaico di Montalto in località Caprarecce – spiega Fabrizio Cristofari, portavoce di quattro delle aziende coinvolte nella questione -. Dopo un processo di subappalti con i quali ditte più grandi commissionavano i lavori ad aziende più piccole si è arrivati infine a quelle nostre locali, una decina circa, che hanno svolto i lavori senza però essere mai retribuite”.

Una situazione che ha portato i piccoli imprenditori della Tuscia coinvolti nell’affare quasi sul lastrico. Tra di loro Giulio Proietti Paoloni, della Tecnoenergie srl, che da otto giorni sta manifestando la sua disperazione con un presidio ininterrotto al parco fotovoltaico e ha anche pubblicato su Youtube un video in cui spiega le ragione del suo problema.

“Tutte le aziende che vantano crediti per i lavori eseguiti al parco di Montalto – continua Cristofari – non sono riuscite a contattare i responsabili dell’impresa spagnola che dovrebbe pagarli. I rappresentanti in Italia non ci sono oppure ci sono delle piccolissime srl con le quali però non si riesce mai a prendere contatti e ogni tentativo finisce sempre a vuoto. Quei soldi ci spettano, ma molto probabilmente non li vedremo mai”.

Stando così le cose al sito di Montalto di Castro nei giorni scorsi sono partiti i primi sopralluoghi delle forze dell’ordine. “Abbiamo denunciato i fatti alla guardia di finanza e ai carabinieri – aggiunge Cristofari – che sono venuti sul posto per tentare di chiarire la vicenda e, inoltre, per fare dei controlli al parco fotovoltaico poiché sono emerse anche delle ipotesi di anomalie come quella che all’interno ci possa essere una sorta di discarica abusiva”.

Intanto le aziende non hanno ancora visto un euro e Confartigianato si schiera al loro fianco per riavere quanto gli spetta. “La giustizia farà il suo lavoro – dichiara Stefano Signori, presidente di Confartigianato – e noi faremo il possibile per far sentire la voce dei nostri associati. Non è possibile che le risorse del territorio si trasformino in operazioni truffaldine ai limiti della legalità. Siamo stanchi di correre dietro all’economia surreale. Chi lavora deve essere retribuito per creare lavoro e garantire benessere al proprio territorio. Non possiamo sempre e soltanto “ingrassare” i circuiti esteri”.

Dello stesso avviso anche il segretario di Confartigianato Andrea De Simone che insiste sull’importanza dei pagamenti alle imprese in tempi almeno ragionevoli. “I cattivi pagatori sono la vera malattia della nostra economia – dice De Simone -. Dal 31 dicembre scorso è entrata in vigore una direttiva molto importante che impone un limite di tempo per i pagamenti delle amministrazioni ai privati: dai 30 ai 60 giorni con un’eccezione di 120 per la Regione Lazio poiché si trova in una situazione di particolare dissesto.

E’ già qualcosa ma purtroppo non basta. Proprio per questo noi di Confartigianato abbiamo attivato un osservatorio che indicizza i cattivi pagatori e li “smaschera”. La vicenda di Montalto di Castro è la punta di diamante di una prassi negativa che sta distruggendo la nostra economia”.

Francesca Buzzi


Condividi la notizia:
19 febbraio, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR