--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Acquapendente - Zuffa tra dipendenti - Un testimone: "Eravamo stressati"

Lite al mattatoio finisce a coltellate

Condividi la notizia:

Il tribunale di Viterbo

Il tribunale di Viterbo

(s.m.) – Hanno smesso di punto in bianco di lavorare e hanno iniziato ad accoltellarsi.

La violenta zuffa era tra cinque dipendenti marocchini della Ilco, l’industria di lavorazione di carne ovina di Acquapendente. Era il 21 dicembre 2006. I cinque, ora, devono tutti rispondere di lesioni gravi davanti ai giudici del tribunale di Viterbo.

I testimoni ascoltati ieri al processo, quasi tutti dipendenti della Ilco, non hanno saputo dire granché. Hanno parlato di “grida improvvise”, “lotta tutti contro tutti” e di “un parapiglia generale durato qualche minuto”. Lì per lì sembrava quasi un’inezia. Una spacconata. Solo giorni dopo hanno saputo che, nella baruffa, qualcuno ha estratto il suo coltello da macellaio e lo ha usato per colpire un collega.

La vittima era un giovane marocchino che, gettatosi nella mischia per difendere il fratello, fu raggiunto da un fendente al braccio. Erano sue quelle “grida improvvise” che richiamarono l’attenzione degli altri.

Costituitisi parte civile, i due fratelli hanno raggiunto un accordo con gli imputati, che li hanno risarciti. Ma per i cinque il processo va avanti.

“Avevamo ritmi pesantissimi – ha spiegato uno dei dipendenti Ilco, ascoltati ieri -. Lavoravamo dodici ore al giorno. Eravamo tutti stressati. Tant’è che la lite è scoppiata per banalissimi motivi di lavoro. Per chi doveva posizionare un elastico, mi sembra”.

Il processo, che arranca da sei anni tra cavilli vari, è rinviato al 9 luglio. Parleranno cinque testimoni della difesa.


Condividi la notizia:
13 marzo, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR