--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni comunali 2013 - Ballottaggio - Il cantante lirico fa un passo indietro e lascia Viva Viterbo dopo la decisione di Rossi di... non andare al mare

Addio senza rancor…

di Alfonso Antoniozzi

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Alfonso Antoniozzi

Alfonso Antoniozzi

– All’inizio di quest’anno mi contattò Filippo Rossi per sottopormi un progetto: una lista civica che operasse una sorta di rivoluzione copernicana nell’amministrazione della nostra città.

La chiave di volta di questo progetto era mettere la cultura alla base del quinquennio amministrativo, e da questa ripartire per vedere finalmente valorizzati la nostra storia, il nostro patrimonio culturale e paesaggistico, le nostre tradizioni: tutto quel tesoro insomma di cui Viterbo dispone e che giace da anni inutilizzato sotto una coltre di polvere.

Nacque, qualche tempo dopo, Viva Viterbo. Era la lista civica di cui avevamo parlato, una lista completamente trasversale che sapesse coinvolgere persone di destra, di sinistra e di centro intorno a un progetto comune. Un laboratorio di modernità politica, una fucina di idee, un concentrato di entusiasmi.

Al servizio di questo progetto e unicamente al servizio di questo progetto ho speso, come del resto ha fatto ogni singola persona del movimento, tempo, energie, fantasia, denari. E’ stato un periodo meraviglioso, dove davvero pensavo (pensavamo!) che le cose potessero cambiare, che un sistema vecchio di sessanta anni potesse essere scardinato da un’idea vincente, e che equilibri costruiti con bizantina meticolosità nel corso delle varie amministrazioni potessero crollare grazie ad un’esplosione di novità.

Le elezioni amministrative hanno appena dimostrato nei fatti che così non è stato.

I miei quarantanove anni di vita all’interno di un sistema democratico mi hanno insegnato a rispettare le opinioni espresse dalla maggioranza e quindi mi inchino al volere dei miei concittadini che non hanno ritenuto di abbracciare il progetto che proponevamo. Mi preme però sottolineare che il mio rispetto per l’opinione della maggioranza non implica automaticamente che io abbracci con entusiasmo le sue decisioni, né che l’opinione della maggioranza sia per me l’opinione giusta.

Poco importa, direte voi. Lo dico anche io con voi. Poco importa.

E’ però per me importante sottolineare un’altra cosa: io ho sostenuto e caldeggiato Viva Viterbo in nome di un progetto che condividevo e che reputavo e reputo tuttora l’unico progetto possibile per la nostra città, e mi sarei volentieri occupato dell’assessorato alla cultura, ma come un artista che volesse cambiare lo stato delle cose dando un impulso di crescita culturale al nostro territorio.

La cittadinanza ha espresso liberamente la propria preferenza in favore di altre scelte, di altri sogni. Queste scelte, questi sogni io non li condivido.

Anche per questo, anzi soprattutto nel timore di questo, ho preferito non candidarmi in lista: sapevo che in caso di sconfitta avrei dovuto scegliere chi appoggiare e piegarmi alla volontà del gruppo se avessero deciso di appoggiare qualcuno.

Ora, la decisione di Viva Viterbo è nota a tutti. Io rispetto questa decisione. Ma, per come la vedo io, non esiste in entrambe le coalizioni un progetto degno di essere appoggiato.

A questo punto dei “giochi”, e prego i lettori di non considerare questa mia come una polemica, ritengo che la decisione migliore per quanto mi riguarda sia solo, semplicemente e sinceramente, quella di farmi indietro augurando buon lavoro a un movimento che ho visto crescere e che sono sicuro riuscirà a fare cose eccellenti in consiglio comunale, e lasciando libero chi vuole di accordarsi e appoggiare in serenità chi preferisce.

Lo dico con affetto sincero, e senza nemmeno una punta di amarezza. Ma soprattutto, senza alcuna invidia.

Alfonso Antoniozzi


Condividi la notizia:
2 giugno, 2013

Elezioni comunali 2013 - Ballottaggio ... Gli articoli

  1. Un viterbese su due non è andato a votare
  2. Affluenza, crollo verticale del 12,11%
  3. Affluenza in calo del 10,95%
  4. Alle urne solo l'8,49% degli elettori
  5. Michelini: abbiamo vinto Marini: da martedì si riparte
  6. "Offrite a Viterbo la possibilità di una rinascita"
  7. "Votatemi e completerò quello che ho iniziato"
  8. "Prenderanno una smusata"
  9. Completamento della Trasversale, priorità per la Regione
  10. "I risparmi dei viterbesi devono finanziare le imprese locali"
  11. Prova d'economia per Marini e Michelini
  12. Ecco il nuovo consiglio comunale
  13. "Zingaretti ai problemi veri preferisce le passeggiate"
  14. Pulizia o investimenti, i primi cento giorni visti dai due candidati
  15. Filippo Rossi: "Tutti contro di me perché Viva Viterbo fa paura"
  16. Ecco le squadre in campo, si riparte
  17. "Regia dello sposettiano Pepponi dietro l'accordo con Michelini"
  18. “Viva Viterbo è morta, ci siamo sentiti usati”
  19. "Giulio Marini merita la riconferma"
  20. "I nostri 4200 elettori liberi di votare chi vogliono"
  21. Rossi e Michelini, ufficializzato l'accordo
  22. "Mai con Michelini e mai con Marini"
  23. Rossi e Frontini con Michelini, gli altri con Marini
  24. Rossi nega le spaccature e non ufficializza l'accordo per ora...
  25. "Dal 10 giugno inizia un'altra storia"
  26. "Sostegno incondizionato a Michelini"
  27. "Ricci si preoccupi di Gigli, Zucchi e della Saraconi"
  28. Centrosinistra in tilt per Filippo Rossi
  29. “Non ho logge o loggette dalla mia, solo la forza della gente”
  30. "Smettetela di prendere in giro i viterbesi"
  31. Frontini: "Nessun apparentamento, non ci vendiamo per un assessorato"
  32. Michelini sì, Michelini no... Rossi sfoglia la margherita
  33. Filippo Rossi non andrà al mare
  34. "Le forze del cambiamento devono stare unite"
  35. "Sul programma l'intesa c'è"
  36. Apparentamento con chi sottoscrive i nostri undici punti
  37. Gli undici punti di Santucci e i dubbi di Rossi
  38. Michelini balla da solo, Marini pronto a "fidanzarsi"
  39. "Immaginare ancora Marini sindaco è davvero difficile"
  40. "I giochi sono ancora aperti"
  41. Nando Gigli: "Darò una mano a Michelini anche al ballottaggio"
  42. "Prenderemo le distanze sia da Marini che da Michelini"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR