--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Elezioni comunali 2013 - Ballottaggio - Il centrodestra attacca Filippo Rossi

“Regia dello sposettiano Pepponi dietro l’accordo con Michelini”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Filippo Rossi

Filippo Rossi 

Riceviamo e pubblichiamo – Un accordo non scritto, ma stampato – vista la specificità della situazione – già agli albori della nascita di Viva Viterbo. Che Filippo Rossi potesse decidere di sottoscrivere un apparentamento con il centrodestra in realtà noi non lo abbiamo mai creduto davvero possibile, semplicemente perché l’ormai defunta lista Viva Viterbo, alla faccia e in barba a chi sinceramente ci ha creduto, è un movimento nato da un’idea del centrosinistra e dello stesso Rossi per sostenere al ballottaggio Leonardo Michelini.

L’accordo siglato l’altra notte dal “fasciocomunista” ex portavoce di Scajola svela infatti chiaramente la regia dello sposettiano Roberto Pepponi dietro ogni mossa di quello che in questa Città passerà alla storia come il distruttore di un movimento, Viva Viterbo, dissoltosi più velocemente della luce nonostante il buon risultato elettorale del primo turno.

Senza curarsi della reale possibilità di partecipare ad un progetto vero di rinnovamento e di sviluppo della città, Filippo Rossi ha “venduto” la sua gente, i suoi candidati e il suo elettorato per perseguire un duplice obiettivo personale, che si realizzerà però solo se Michelini vincerà le elezioni. In primo luogo, Filippo Rossi vuole fare l’assessore alla Cultura, traguardo inseguito dai tempi in cui lo sponsorizzava quell’altro grande esempio di coerenza che risponde al nome di Gianfranco Fini.

Poco importa a Rossi se per il suo assessorato ha gettato alle ortiche la possibilità di una maggiore presenza in consiglio delle persone che hanno creduto in lui e nel suo progetto. In seconda battuta, se Michelini vincerà le elezioni Filippo Rossi potrebbe volersi occupare personalmente da dentro la giunta di Caffeina e della Fondazione Caffeina, il cui presidente e uno dei maggiori sponsor è proprio il figlio maggiore di quel Roberto Pepponi regista delle operazioni rossiane. Per inciso, l’altro figlio di Pepponi si è candidato proprio nella lista di Rossi e anche per lui è già pronto un posto nella eventuale giunta Michelini, ma stavolta in quota Sposetti. Quando si dicono le coincidenze.

Certo, tutto il teatrino di Rossi in queste ultime settimane ce lo saremmo volentieri risparmiato, abbracci alle mura e palloncini compresi. Visto che la sua finalità è sempre stata un’altra, il cinema poteva anche evitarselo. Bastava una riunione notturna a prendere ordini da Pepponi e via. Chissà, magari ora che ha cambiato sponsor a divenire assessore ci potrebbe anche riuscire davvero: se basta un Pepponi qualsiasi per ottenere un posto in giunta, ci chiediamo perché il buon Filippo abbia perso tanto tempo e speso tanta energia dietro al collezionista di figure misere, Gianfranco Fini. Bisogna vincere le elezioni prima, certo, ma il grande catalizzatore di consensi ormai considera questa opzione una pura formalità, si sa, perché cosa vuoi che gliene freghi a lui di quello che desidera la gente? L’importante è aver ben chiaro, pardon stampato, in mente il proprio scopo.

Almeno ora che ha fatto outing in favore di Michelini, tuttavia, il “fasciocomunista” potrà smetterla di rinnegare anche l’amico finiano Potito Salatto. Si ritroveranno magari tutti insieme, anche con i “nuovi” Ugo Sposetti, Nando Gigli e Peppino Fioroni. Quelli di cui Filippo Rossi non più tardi di una settimana fa aveva detto “mai insieme a loro” e con i quali invece fra qualche giorno tenterà l’assalto al comune di Viterbo. Sottigliezze, dirà lui, convinto ancora una volta di poter usare la sua vacua abilità di incantatore per convincere i viterbesi a votare per Leonardo Michelini, al pari suo altro prodotto dell’accordo tra Gigli, Fioroni e Sposetti.

Chissà, però, che Rossi, preso dall’obbedienza incondizionata (o invece proprio condizionata, da Caffeina e dai suoi interessi) non abbia stavolta sottovalutato l’intelligenza dei viterbesi? Se lo hanno mollato Antoniozzi e molti dei suoi, ora che ha gettato la maschera, chissà che non lo mollino anche i cittadini. Una volta per tutte.

Popolo della Libertà

Fratelli d’Italia

FondAzione

La Destra 

Civica per Viterbo

Ego Sum Leo

La mia Tuscia 

Fiamma Tricolore


Condividi la notizia:
2 giugno, 2013

Elezioni comunali 2013 - Ballottaggio ... Gli articoli

  1. Un viterbese su due non è andato a votare
  2. Affluenza, crollo verticale del 12,11%
  3. Affluenza in calo del 10,95%
  4. Alle urne solo l'8,49% degli elettori
  5. Michelini: abbiamo vinto Marini: da martedì si riparte
  6. "Offrite a Viterbo la possibilità di una rinascita"
  7. "Votatemi e completerò quello che ho iniziato"
  8. "Prenderanno una smusata"
  9. Completamento della Trasversale, priorità per la Regione
  10. "I risparmi dei viterbesi devono finanziare le imprese locali"
  11. Prova d'economia per Marini e Michelini
  12. Ecco il nuovo consiglio comunale
  13. "Zingaretti ai problemi veri preferisce le passeggiate"
  14. Pulizia o investimenti, i primi cento giorni visti dai due candidati
  15. Filippo Rossi: "Tutti contro di me perché Viva Viterbo fa paura"
  16. Ecco le squadre in campo, si riparte
  17. “Viva Viterbo è morta, ci siamo sentiti usati”
  18. "Giulio Marini merita la riconferma"
  19. "I nostri 4200 elettori liberi di votare chi vogliono"
  20. Rossi e Michelini, ufficializzato l'accordo
  21. "Mai con Michelini e mai con Marini"
  22. Rossi e Frontini con Michelini, gli altri con Marini
  23. Addio senza rancor...
  24. Rossi nega le spaccature e non ufficializza l'accordo per ora...
  25. "Dal 10 giugno inizia un'altra storia"
  26. "Sostegno incondizionato a Michelini"
  27. "Ricci si preoccupi di Gigli, Zucchi e della Saraconi"
  28. Centrosinistra in tilt per Filippo Rossi
  29. “Non ho logge o loggette dalla mia, solo la forza della gente”
  30. "Smettetela di prendere in giro i viterbesi"
  31. Frontini: "Nessun apparentamento, non ci vendiamo per un assessorato"
  32. Michelini sì, Michelini no... Rossi sfoglia la margherita
  33. Filippo Rossi non andrà al mare
  34. "Le forze del cambiamento devono stare unite"
  35. "Sul programma l'intesa c'è"
  36. Apparentamento con chi sottoscrive i nostri undici punti
  37. Gli undici punti di Santucci e i dubbi di Rossi
  38. Michelini balla da solo, Marini pronto a "fidanzarsi"
  39. "Immaginare ancora Marini sindaco è davvero difficile"
  40. "I giochi sono ancora aperti"
  41. Nando Gigli: "Darò una mano a Michelini anche al ballottaggio"
  42. "Prenderemo le distanze sia da Marini che da Michelini"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR