--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Ricci (Pd) all'attacco del sindaco Marini: un inutile provvedimento elettorale

“Taglio dell’Imu, proposta indecente”

di Giuseppe Ferlicca
Condividi la notizia:

Alvaro Ricci (Pd)

Alvaro Ricci (Pd)

Alvaro Ricci (Pd)

Alvaro Ricci (Pd)

– La proposta indecente di Marini, altro che restituzione dell’Imu.

All’annuncio del primo cittadino replica a stretto giro Alvaro Ricci (Pd): “E’ una delibera demagogica, priva di senso, gravissima e che crea illusioni a un ceto sociale che ha già tanti problemi”.

Un atto inutile: “Privo di qualsiasi effetto”. Perché i centomila euro di copertura non ci sono. “Dove li prende? – si domanda Ricci – nella delibera si legge come il provvedimento non necessiti di copertura finanziaria, se ne deve occupare il prossimo consiglio comunale, se riterrà di doverli stanziare. Una delibera ingannevole, manca il presupposto giuridico economico”.

Quindi: “La gente presenterà la domanda – osserva Ricci – ma se il bando non ha copertura economica, quei rimborsi non arriveranno mai”.

Anche se sulla partecipazione dei cittadini l’esponente Pd ha una sua idea: “Possiamo anche fare una scommessa – continua Ricci – non arriveranno proprio domande, perché quale famiglia ha un reddito Isee con mutuo o undicimila senza mutuo? Nessuna”.

Pure sui tempi, qualcosa da dire c’è. “Un provvedimento – precisa Ricci – adottato il tre giugno, quando il nove c’è il ballottaggio. Esistono circolari della prefettura in la pubblicità è vietata e questa cosa è?”.

Non che il Pd sia contrario al taglio dell’Imu: “Abbiamo presentato un emendamento che la maggioranza ci ha bocciato, lo stesso adottato da Alemanno e che gli ha permesso di recuperare 111 milioni di euro.

Proponevamo di verificare le rendite catastali delle abitazioni, essendoci a Viterbo 1611 appartamenti A5, ovvero senza bagni. Avremmo recuperato un milione di euro coi quali tagliare davvero la tassa e stanziare 120mila euro per famiglie in difficoltà e percorsi di reinserimento sociale”.

Ricci poi parla pure di una legge del 1957 che vieta elargizioni a una settimana dal voto. “Non credo che ci siano le condizioni, perché è una delibera priva d’effetto”.

Però il tarlo del dubbio è insinuato…

Giuseppe Ferlicca 


Condividi la notizia:
4 giugno, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR