Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Acquapendente - In mattinata l'udienza di convalida - L'avvocato: "Risponderà alle domande"

Tentato omicidio, l’arrestato dal gip

Condividi la notizia:

Una pattuglia dei carabinieri

Una pattuglia dei carabinieri 

– E’ fissata per stamattina l’udienza di convalida dell’arresto di Enrico Ranucci.

Il 65enne è rinchiuso a Mammagialla da sabato per tentato omicidio. 

Ha confessato di aver investito Santino Giuliani, 70enne, affittuario di alcuni terreni dell’agricoltore 65enne, nato a Grotte di Castro ma residente ad Acquapendente.

Ranucci risponderà alle domande del gip Francesco Rigato, ribadendo la versione sostenuta dal suo avvocato Vincenzo Dionisi fin dal giorno dell’arresto: nessuna intenzione di uccidere. Solo un tragico errore.

“Al giudice diremo la verità: quello di Ranucci voleva essere solo un gesto di sfida – afferma il legale -. L’ipotesi di commettere un omicidio non l’ha neppure sfiorato”.

Giuliani è in ospedale con una prognosi di trenta giorni. Ha cercato di schivare Ranucci, sabato mattina, ma l’agricoltore lo ha colpito in pieno a un fianco. Erano le 8,30 di sabato mattina. Il 65enne passava in località Ponte San Biagio, quando ha visto il Giuliani e due braccianti lavorare su uno dei suoi fondi. Quel terreno, come altri, sarebbe oggetto di una lunga battaglia giudiziaria tra i due, con Ranucci che lamenta il mancato pagamento dell’affitto. Una questione riproposta più volte al tribunale di Viterbo, in una serie di procedimenti civili e penali. 

Dopo aver investito Giuliani, Ranucci è scappato, abbandonando la sua macchina con le chiavi ancora nel quadro. Anche su questo punto ci sarà da discutere. Arrivati sul posto i carabinieri hanno trovato solo uno specchietto dell’auto, staccatosi nell’urto, e i due braccianti, che hanno descritto la scena. Ranucci si era allontanato a piedi. Che volesse nascondersi, ai carabinieri risulta più che chiaro dal suo tentativo di nascondersi in mezzo a dei cespugli, subito dopo la fuga.

La difesa, invece, sostiene che, dopo un primo momento di esitazione e paura, abbia voluto recarsi spontaneamente in caserma. “Aspettava solo il mio arrivo per farlo. Ci saremmo andati insieme. I carabinieri lo hanno solo preceduto”. 


Condividi la notizia:
2 luglio, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR