Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Consiglio comunale - Il sindaco Michelini spiega perché ha annullato la conferenza sulle iniziative per Gaber e con Branduardi in programma a Ferento

“Gli spettacoli costavano troppo”

di Giuseppe Ferlicca
Condividi la notizia:

Il sindaco Leonardo Michelini

Il sindaco Leonardo Michelini

– “Sono stato io ad annullare la conferenza stampa”.

Sulla presentazione degli spettacoli di Branduardi e l’omaggio a Gaber, un mistero è svelato. L’unico. Sul resto è buio pesto.

E’ stato il sindaco Leonardo Michelini, la mattina stessa della convocazione, a rimandare i giornalisti a casa e lo spiega in consiglio comunale. Perché gli spettacoli costano troppo. “Dobbiamo economizzare i costi di due spettacoli importanti – dice Michelini – per l’apertura di Ferento. Abbiamo individuato sponsor istituzionali, banche, che aggiunti a un biglietto di cinque euro e dieci per le poltrone, consentiranno d’abbattere le spese per il concerto di Angelo Branduardi. Domani faremo giunta e quindi la conferenza stampa”.

Tanto ad annullarla si fa sempre in tempo. A sollevare dubbi sono stati i consiglieri Buzzi (FdI), Sberna (Pdl) e Frontini (Viterbo 2020). Poco soddisfatti per la risposta.

Intanto: l’omaggio a Gaber in programma il tre agosto che fine fa? Michelini non ne parla. Che senso ha programmare due spettacoli, far uscire i manifesti, dire e pubblicizzare che sono gratuiti e poi accorgersi che costano troppo e ripensarci?

Quando si dice avere le idee chiare e programmare in modo corretto. Potrebbe saperne di più l’assessore alla Cultura Giacomo Barelli. Che in consiglio però non c’è, come non è passato in commissione: “E sfugge il confronto” accusa dall’opposizione Santucci. E’ questione di cultura.

“Non capisco – dice Luigi Maria Buzzi (FdI) – come siano stati scelti questi due appuntamenti, mentre il cartellone estivo e quello del settembre viterbese rimane ancora da una parte, con il bando scaduto da tempo. Non ho ancora capito a quanto ammonta il contributo. E’ una parte piuttosto nebulosa. Forse all’assessorato alla Cultura un omogenizzatore serve davvero”.

Non manca solo il cartellone: “Non si hanno ancora notizie – spiega Chiara Frontini (Viterbo 2020) – del regolamento per l’erogazione dei contributi. Deve essere approvato, cosa impedisce di portare in commissione l’argomento?”. Saperlo…

Come sarebbe interessante capire come mai un bando per un cartellone che si chiama estivo ancora non è stato preso in considerazione. Antonella Sberna (Pdl) lo fa notare. Forse sarà per la prossima estate.

“Penso che tutto si possa fare – fa notare Santucci (FondAzione) – ma i soldi da investire quanti sono? Ventottomila o 38mila euro? Sono due o tre spettacoli? Saranno tutti a pagamento o no? Quanto si pagherà? In quali date?”. Che spettacolo.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
1 agosto, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR