--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Operazione Babele - Gruppi diversi si dividevano il centro storico: maghrebini a San Pellegrino, dominicani a San Faustino

Il mercato della droga spartito tra due bande

Condividi la notizia:

Operazione Babele - Gli arrestati - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – Gli arrestati – Clicca per ingrandire

Operazione Babele - Uno degli arresti

Operazione Babele – Uno degli arresti

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

Operazione Babele - Il traffico di droga

Operazione Babele – Il traffico di droga

Operazione Babele - La droga sequestrata - Clicca per ingrandire

Operazione Babele – La droga sequestrata – Clicca per ingrandire

La conferenza stampa dell'operazione Babele

La conferenza stampa dell’operazione Babele

Gianluca Dell'Agnello, comandante provinciale dei carabinieri

Gianluca Dell’Agnello, comandante provinciale dei carabinieri

Alfonso Amaturo, comandante provinciale della guardia di finanza

Alfonso Amaturo, comandante provinciale della guardia di finanza

Domenico Costagliola, comandante del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza

Domenico Costagliola, comandante del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza

Il capitano Giovanni Martufi

Il capitano Giovanni Martufi

Viterbo – (s.m.) – Il mercato della droga spartito tra dominicani e maghrebini (video: I retroscena dell’operazione  – Gli arresti – fotocronaca).

E’ la fotografia del centro storico di Viterbo, scattata nell’operazione Babele: 31 arresti per un fiorente spaccio di stupefacenti nel cuore pulsante della città. Cocaina, eroina e hashish viaggiavano a fiumi tra il Sacrario e San Pellegrino.

“Le due diverse comunità si dividevano il centro storico – spiega il capitano dei carabinieri del nucleo investigativo Giovanni Martufi -. I dominicani erano attivi a nel quartiere di San Faustino e in via Cairoli. San Pellegrino, invece, era zona dei maghrebini”.

Carabinieri e finanza lo hanno scoperto al termine di un’indagine iniziata nel gennaio 2013. Da allora, più di tre chili di stupefacenti sono stati sequestrati dagli uomini dell’Arma e delle fiamme gialle, per un totale di 24 arresti tra gennaio e novembre 2013.

Altri due etti di cocaina sono stati trovati stamattina nella disponibilità di un dominicano, arrestato in flagranza di reato nel blitz “Babele”, dalla pluralità di etnie coinvolte.

In arresto sono finiti 16 italiani (15 viterbesi e una giovane romana), 8 dominicani, 4 maghrebini (un libico e tre tunisini), 2 albanesi, un venezuelano e una cittadina romena.

Il numero degli italiani arrestati è superiore sia a quello dei dominicani che dei maghrebini. Ma, per gli inquirenti, sarebbero stati gli stranieri a gestire lo spaccio, riconoscendo agli italiani un ruolo di “fiancheggiatori”.

Su 32 ordinanze (25 in carcere e 7 ai domiciliari) emesse dal gip di Viterbo Franca Marinelli, gli investigatori ne hanno eseguite trenta: all’appello mancano un tunisino e un dominicano fuggiti all’estero già da qualche tempo.

L’indagine è partita da segnalazioni comuni, arrivate in simultanea nelle caserme di via De Lellis e via Cardarelli. A quel punto, l’inchiesta coordinata dal pm Paola Conti è proseguita su un doppio binario, seguita contemporaneamente dai militari del nucleo investigativo e dalla sezione mobile della polizia tributaria.

Gli spacciatori cambiavano spesso casa, per non destare sospetti. Avevano ognuno un soprannome e di droga parlavano in codice.

Avrebbero utilizzato metodi diversi per trasportare gli stupefacenti. I dominicani usavano gli “ovulatori”, corrieri della droga che arrivavano in Italia dalla Spagna,  incaricati di ingoiare gli ovuli e trattenerli nello stomaco. I tunisini, invece, avrebbero usato rifornirsi nella capitale. L’unico tratto in comune sarebbe stato il metodo di conservazione: la droga veniva spesso affidata a terzi dietro compenso. Spesso persone incensurate al di sopra di ogni sospetto.

Il blitz di stanotte ha coronato le indagini: 61 perquisizioni, più di duecentocinquanta uomini impegnati tra carabinieri e finanzieri, ottanta mezzi e l’elicottero in volo sulla città. Che ha provocato qualche malumore…

“Stamattina un cittadino ci ha chiamato mentre l’operazione era in corso – racconta, con un sorriso, il colonnello Alfonso Amaturo, comandante provinciale della guardia di finanza -. Ci ha chiesto se potevamo spostare l’elicottero in un altro posto, perché aveva bisogno di dormire. Piccolo aneddoto divertente a margine di un’attività estremamente produttiva”.

“L’operazione è il frutto dalla collaudata sinergia tra carabinieri e finanzieri – ha affermato il colonnello Gianluca Dell’Agnello, comandante provinciale degli uomini dell’Arma -. Con questo blitz, riteniamo di aver non solo stroncato un importante traffico di droga, ma anche messo fine a tutti i reati connessi allo spaccio, come i furti”.

Un’indagine complessa, ma economica. “Oltre alla collaborazione perfettamente funzionale con i carabinieri, abbiamo potuto contare sulla professionalità degli investigatori dello Scico e della direzione centrale dei servizi antidroga – dichiara il comandante del nucleo di polizia tributaria Domenico Costagliola -. Un lavoro imponente praticamente a costo zero”.


Condividi la notizia:
19 maggio, 2014

Operazione Babele ... Gli articoli

  1. Spaccio di droga in centro, altri tredici rinvii a giudizio
  2. "'Gnocchi' non significava droga, ma attributi sessuali"
  3. Spaccio di droga in centro, impiegata statale assolta dopo tre anni
  4. Spaccio in centro, 12 patteggiamenti e un'assoluzione
  5. Spaccio di droga in centro, Babele bis non decolla
  6. "Qui è pieno di formiche, bisogna rinviare lo scambio"
  7. Inventa un lavoro, nuovi guai per l’ex stella del baseball viterbese
  8. "Nonna coca" slitta ancora l'udienza
  9. Spaccio in centro, trenta indagati
  10. Babele della droga, sarà processo veloce
  11. Babele della droga, difese contro il processo veloce
  12. Processo Babele è subito rinvio
  13. Spaccio in centro storico, l'ultimo uomo nega
  14. Babele, parola all'ultimo latitante
  15. Operazione Babele, arrestato l'ultimo latitante
  16. Evade dai domiciliari, arrestato 'big' della retata Babele
  17. Operazione Babele, arrestato latitante
  18. Droga nel centro storico, in 11 a processo subito
  19. Babele, una decina verso il processo subito
  20. Consumatori di cocaina, ma non spacciatori
  21. Blitz Babele, ordinanza annullata per due fratelli
  22. Maxiretata antidroga, domiciliari entro ventiquattr'ore
  23. "Andremo fino alla Corte europea dei diritti dell'uomo"
  24. I braccialetti elettronici ritardano, gli arrestati rimangono in carcere
  25. "L'impianto accusatorio resta solido"
  26. Babele, in cinque ai domiciliari col braccialetto
  27. Maxiretata antidroga, ore di attesa per gli indagati
  28. Maxiretata antidroga, al Riesame per la libertà
  29. Babele, almeno in cinque tornano a casa
  30. Retata antidroga, interrogatori a tamburo battente
  31. Maxiretata antidroga, il pm chiede i domiciliari per 5 spacciatori
  32. Babele, gli arrestati si difendono
  33. "Custodivo la cocaina per 50 euro"
  34. Maxiretata antidroga, da giovedì gli interrogatori
  35. "Un 'pollo intero' per quattromila euro"
  36. Blitz antidroga, 32 arresti e 61 perquisizioni
  37. Blitz antidroga, raffica di arresti e perquisizioni
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR