--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Partenza straordinaria per la Macchina di santa Rosa trasportata su tir a Milano - Ieri sera alle 22 è cominciata l'avventura di Expo

Accendete i motori e fermi…

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Fiore del Cielo - La partenza per Expo

Fiore del Cielo – La partenza per Expo

Don Alfredo, Michelini, De Alexandris e Arena

Don Alfredo, Michelini, De Alexandris e Arena

Mauro Cappelloni e Ombretta Ciorba

Mauro Cappelloni e Ombretta Ciorba 

Fiore del Cielo - La partenza per Expo

Fiore del Cielo – La partenza per Expo

Fiore del Cielo pronta al viaggio per Expo

Fiore del Cielo pronta al viaggio per Expo 

Arena, De Alexandris, Ciorba e Rossi

Arena, De Alexandris, Ciorba e Rossi

Fiore del Cielo pronta al viaggio per Expo

Fiore del Cielo pronta al viaggio per Expo 

Fiore del Cielo - La partenza per Expo

Fiore del Cielo – La partenza per Expo

Fiore del Cielo pronta al viaggio per Expo

Fiore del Cielo pronta al viaggio per Expo 

Viterbo – Le rose ripulite e sistemate, modifiche all’illuminazione e fari che dal basso renderanno suggestiva la visione di Fiore del Cielo.

La Macchina di santa Rosa ieri sera alle 22 è partita dal capannone sulla Tuscanese, direzione Expo. Arrivo in mattinata, quindi una giornata di sosta in un’area riservata fuori dalla tangenziale di Milano, la partenza di nuovo nelle ore notturne, infine l’ingresso nell’area espositiva domani mattina alle 6 (fotogallery: Fiore del Cielo pronta per Exposlide – La partenza per Milano – slide – video: La partenza per Milano).

Per dare subito il via alle operazioni di montaggio.

Gli operai dell’impresa Ciorba resteranno una settimana.

Con loro ci sarà un’istituzione a Viterbo quando si parla della Macchina di santa Rosa, Mauro Cappelloni.

“Ovviamente viene con noi – spiega Ombretta Ciorba – non potrebbe essere altrimenti. E’ un’istituzione. Indipendentemente da chi è chiamato a costruire la Macchina, lui c’è sempre”.

Un esperto che si è formato sul campo in tanti anni. Una garanzia. All’ultimo, ieri sera Cappelloni è riuscito a coinvolgere nella trasferta lombarda anche Franco Piergentili, colui che “illumina” le Macchine. Un’altra garanzia.

Ieri sera è cominciata l’avventura. Per Viterbo un momento unico.

E’ la prima volta che una Macchina va fuori Viterbo. Il sindaco Michelini l’ha sottolineato con una battuta: “La portiamo oltre le mura…”. Come la sua lista civica. Sarà pure la prima volta in cui ci saranno due Macchine “in attivi”. Oltre a Fiore del Cielo, Gloria.

Al capannone sulla Tuscanese, oltre al primo cittadino, l’ex assessore Giovanni Arena, il primo ad arrivare, Giacomo Barelli, Maria Rita De Alexandris e Filippo Rossi che dopo il passaggio su via Marconi, per il futuro immagina nuovi percorsi: “La facciamo passare per Pianoscarano, è un po’ stretto, ma ci si riesce. C’è anche la girata, attorno alla fontana”. Battuta “omaggio” alla rappresentanza del quartiere, oltre a De Alexandris, anche Ombretta Ciorba.

C’è anche don Alfredo Cento, che l’altro giorno ha benedetto la statua della Santa in partenza.

Due tir, con altrettanti rimorchi, le auto staffetta e quelle della polizia stradale. Poco dopo le 22 la partenza. Un viaggio su cui la città ripone molte speranze.

Fiore del Cielo lascia Viterbo, dopo che la ditta Ciorba ha sistemato alcune parti.

“Le rose – spiega Ciorba – sono state ripulite e sistemate.

Inoltre sono state apportate modifiche all’illuminazione.

Questo perché Fiore del Cielo è stata pensata per essere accesa solo qualche ora”. Nei padiglioni a Milano, invece rimarrà di fronte al pubblico per sei mesi.

“Inoltre – continua Ciorba – sono previsti fari che comunque la illumineranno, questo perché essendo all’aperto, se alcuni lumini dovessero non funzionare per qualche ragione, la visione della Macchina comunque non dovrà risentirne”.

L’impresa ha vinto la gara per trasporto e montaggio, ma si occuperà pure della manutenzione nell’arco dei sei mesi.

“L’abbiamo già prevista – anticipa Ciorba – sarà periodica, almeno ogni venti giorni gli operai saranno a Milano.

Ma abbiamo già preso contatti con persone del posto che provvederanno ai controlli ordinari, di routine.

Una volta all’intero dei padiglioni e ultimata la costruzione, noi abbiamo come compito solo la manutenzione dell’impianto elettrico. Il resto ricade sotto l’organizzazione Expo”.

La fase di montaggio sarà impegnativa.

“Per ora – spiega Ciorba – abbiamo previsto una settimana. Ci sono le rifiniture da fare, gli allacci, la messa a terra degli impianti.

Tutte le attrezzature, macchine e piattaforme le abbiamo già prese a Expo”.

Un pizzico d’emozione e molta allegria hanno accompagnato Fiore del Cielo nella sua speciale partenza. “Devo ringraziare il sindaco – dice l’assessore Giacomo Barelli – per avere creduto con me in quella che sembrava una follia quando glielo ho detto per la prima volta”.

L’avventura è appena cominciata.

Giuseppe Ferlicca


Articoli: Corriere della Sera: “Arriva la Macchina…” – Fiore del Cielo, partenza lunedì notte – Fiore del Cielo il 22 a Expo – Fiore del Cielo pronta per il trasporto


Condividi la notizia:
20 aprile, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR