Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Sequestrato lo stabilimento dopo le analisi della Asl richieste dall'azienda stessa - Vargas (Cgil): "Salvaguardare salute e lavoro del distretto"

Amianto, sigilli a un sito di Gallese

Condividi la notizia:

Valentino Vargas, segretario della Filctem-Cgil

Valentino Vargas, segretario della Filctem-Cgil 

Danilo Piersanti, sindaco di Gallese

Danilo Piersanti, sindaco di Gallese 

Gallese – (p.p.) – Amianto, sigilli a un sito di Gallese.

E’ stato sequestrato, all’inizio della settimana, il deposito di feldspato, materie prime nella produzione dei sanitari del distretto ceramico, a Gallese di proprietà dell’azienda Minerali Indsutriali spa.

E’ stata la stessa azienda a richiedere l’intervento della Asl dopo i controlli interni che periodicamente effettua sul sito. Ora con la chiusura si provvederà alla bonifica.

“E’ stato chiuso il sito della Minerali industriali srl – dice Valentino Vargas (Filctem-Cgil) – che è un’azienda che sta su una cava a Gallese e oltre a estrarre terre, alcune le importa per fare il mix che serve per gli impasti ceramici. Ogni anno, la Minerali fa delle verifiche al suo interno, con mezzi propri, rispetto alla contaminazione di amianto, perché ci sono delle tettoie. Sono rilevamenti per la bonifica di queste strutture che, in parte, sono state cambiate e in parte lo saranno. Li tratta quindi, come prevede la legge e, correttamente, ha fatto questa operazione.

Nel fare l’ultimo, si è accorta della presenza di amianto in una zona che, oltretutto, era stata bonificata. Non sapendo da dove provenisse, ha chiesto l’intervento della Asl, secondo cui, era dovuta alla presenza di terre che erano state importate dalla Sardegna e non estratte in loco”.

Dopo le verifiche, è stata disposta la chiusura. “Il valore è comunque sotto il massimo consentito, che sarebbe 20, mentre loro sono a 18. L’azienda ha deciso lo stesso di intervenire. Ora, in questo periodo, che durerà qualche mese, si procederà allo smaltimento attraverso delle ditte specializzate”.

Il sito è stato interamente sequestrato anche se ci sono delle parti in cui non c’è presenza d’amianto. Ci lavorano cinque operai e alcuni impiegati.

“La salute va sempre salvaguardata – dice Vargas – per cui ben venga la chiusura delle aziende, se necessaria. Certo, sarebbe meglio coniugare questo aspetto con la stabilità economica del distretto, visto che dal 2008 si soffre per la crisi“.

Vargas mette in luce un altro aspetto. “Un problema rappresentano le aziende che, nel frattempo, stanno lavorando materiali, potenzialmente, inquinati. C’è da dire che le aziende stanno acquistando materiali non inquinati, mentre quelli che lo sono li stanno smaltendo. Bisogna quindi prestare la massima attenzione. Oggi più di prima devono essere adottate le massime accortezze, avvisando lavoratori e i rappresentanti della sicurezza. Vanno salvaguardati gli interessi di tutti sia per quanto riguarda la salute che il lavoro”.

Le analisi della Asl sono state spedite al politecnico di Torino che effettuerà ulteriori controlli. Al lavoro anche la procura.

Cauto il sindaco di Gallese Danilo Piersanti. “E’ prioritario pensare alla salute dei lavoratori – dice il primo cittadino -. Vanno avanti ora i controlli della Asl che ci ha tranquillizzato sul fatto che l’amianto, una volta cotto ad alte temperature, si cristallizza e quindi non è dannosi. Sono comunque preoccupato anche per il risvolto economico, visto le aziende del distretto soffrono da anni questa pesante crisi ed è necessario in qualche intervenire”.


 

ArticoliAngelelli: Amianto nella ceramica, procura al lavoro – “Amianto, in prima linea per tutela di operai e imprese” – CalistiAmianto distretto ceramico, attendiamo ulteriori esami” – Unindustria: “Amianto distretto ceramico, aziende sensibili e collaborative” – Vargas (Filctem Cgil): “Amianto distretto ceramico, prioritaria la salute dei lavoratori”

 


Condividi la notizia:
19 giugno, 2015

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR