Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Cinque anni fa l'incidente in cui moriva il 28enne

Operaio vola dal balcone, assolto il datore di lavoro

Condividi la notizia:

L'incidente sul lavoro in piazza della Repubblica

L’incidente sul lavoro in piazza della Repubblica

L'incidente sul lavoro in piazza della Repubblica

L’incidente sul lavoro in piazza della Repubblica

L'incidente sul lavoro in piazza della Repubblica

L’incidente sul lavoro in piazza della Repubblica

L'incidente sul lavoro in piazza della Repubblica

L’incidente sul lavoro in piazza della Repubblica

L'incidente sul lavoro in piazza della Repubblica

L’incidente sul lavoro in piazza della Repubblica

Viterbo – Volò giù da un balcone in piazza della Repubblica in pieno giorno, davanti a decine di persone che passeggiavano tra il Corso e via Marconi, a Viterbo.

Morì così un operaio 28enne di nazionalità romena. A processo per omicidio colposo, dopo le indagini della polizia, finisce il suo datore di lavoro.

Il tribunale di Viterbo lo ha assolto ieri , a cinque anni precisi dalla morte dell’operaio, il 16 settembre 2010.

La perizia dell’ingegnere, chiamato a ricostruire la dinamica dell’incidente sul lavoro, avrebbe parlato di un movimento repentino della vittima, che stava scaricando calcinacci in alto, da un balcone. A quel punto, la carriola si sarebbe incastrata sotto il balcone del primo piano, trascinando così a terra il giovane operaio. 

In pratica, una tragedia che il datore di lavoro non avrebbe mai potuto prevedere. “Più che datore di lavoro, il mio assistito e la vittima erano compagni di lavoro – ha spiegato in aula l’avvocato Alessandro Fortuna -. Solo per una casualità erano uno a terra e uno in alto”. Il pm, in udienza, ha chiesto comunque la condanna a tre anni, ma per il giudice Eugenio Turco l’imputato andava assolto con la formula più ampia.


Condividi la notizia:
17 settembre, 2015

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR