--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Vetralla - Tre anni e nove mesi a un ultraottantenne per violenza sessuale, lesioni e maltrattamenti in famiglia

Allunga le mani sulla badante, “nonno” condannato

Condividi la notizia:

Vetralla

Vetralla 

Vetralla – Temeva che l’avrebbero rispedita in Bielorussia in collegio se avesse denunciato l’uomo che per lei era come un padre. Ieri, la condanna del tribunale di Viterbo: tre anni e nove mesi a un ultraottantenne, accusato di palpeggiare la sua badante 29enne.

Lei, bambina di Chernobyl, era venuta in Italia scappando dall’inferno, come tanti suoi coetanei. A Vetralla trova una famiglia che la accoglie e le dà lavoro come collaboratrice domestica. Ma quando l’anziano che accudisce e al quale è tanto riconoscente per averla cresciuta e ospitata, diventa vedovo, nel 2007, per lei comincia l’incubo. 

Palpeggiamenti, avances, richieste sessuali e lui che gira per casa nudo a ogni ora del giorno. Approcci fisici cercati con una violenza che fa finire la ragazza al pronto soccorso nell’estate 2012, dopo essere stata sbattuta a terra: è a quel punto che intervengono i carabinieri, con tanto di registrazioni fornite dalla ragazza. Abusi che andavano avanti già da cinque anni nel più totale silenzio della giovane: solo allo psicologo che la seguiva aveva lasciato intuire qualcosa e poi all’amica, che chiama le forze dell’ordine per lei.

Un dramma in cui si mischiano sentimenti contrastanti, per la pubblica accusa: riconoscenza per essere stata accolta come una figlia, vergogna, paura, sudditanza economica perché la ragazza aveva vitto, alloggio e tutto ciò che le serviva, ma non veniva pagata e non sapeva dove andare.

Per il pm Fabrizio Tucci, che chiede una condanna a sette anni, l’anziano approfitta di quella situazione finché può, per poi cercare di comprare il silenzio della ragazza offrendole soldi e un appartamento.

Ricostruzione infondata secondo la difesa, perché la casa era solo un regalo, in previsione di un futuro matrimonio della ragazza col fidanzato. L’avvocato dell’ottantenne la ritiene inattendibile anche per i suoi problemi di alcolismo. Sottolinea l’affetto per l’anziano, a cui scriveva teneri biglietti di auguri a Natale e per il quale rinunciava anche ad andare al mare con le amiche pur di fargli compagnia. Il legale non smentisce le avances ma, per lui, la ragazza era consenziente: “Non faceva niente che lei non volesse: le chiedeva sempre il permesso. Si sente anche nelle registrazioni prodotte dall’accusa, che sono un clamoroso autogol”. Non per i giudici, che gli hanno inflitto tre anni e nove mesi per atti sessuali, lesioni e maltrattamenti in famiglia, 10mila euro di provvisionale (a fronte dei 30mila chiesti dalla parte civile) e interdizione per cinque anni dai pubblici uffici, più il risarcimento a parte che stabilirà il giudice civile. 

Tre mesi per le motivazioni della sentenza. La difesa impugnerà.


Condividi la notizia:
1 dicembre, 2015

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR