Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Crolla la maggioranza - Il senatore Pd mette sotto accusa il primo cittadino e l'ex ministro Fioroni senza mai nominarlo

Sposetti sotterra definitivamente Michelini

di Giuseppe Ferlicca
Condividi la notizia:

Ugo Sposetti

Ugo Sposetti 

Ugo Sposetti

Ugo Sposetti 

Ugo Sposetti

Ugo Sposetti 

Ugo Sposetti

Ugo Sposetti 

Ugo Sposetti

Ugo Sposetti 

Ugo Sposetti e Giuseppe Fioroni

Ugo Sposetti e Giuseppe Fioroni 

Ugo Sposetti e Luisa Ciambella

Ugo Sposetti e Luisa Ciambella 

Viterbo – Crisi in comune, il senatore Pd Ugo Sposetti esce allo scoperto. Finora si è tenuto a debita distanza dalle vicende che stanno travolgendo palazzo dei Priori. Chiamato in causa da Tusciaweb parla, spiegando che la responsabilità della crisi è del sindaco Michelini. Per non essere stato in grado di gestirla.

Sposetti giudica fallimentare l’esperienza amministrativa, per incapacità politica, più che per l’eredità lasciata dal centrodestra. Ma ce n’è pure per Moderati e riformisti, per la fuoriuscita di Vannini e per la nomina dei revisori dei conti. Tutto con una sola piccola accortezza: non nominare mai direttamente l’ex ministro Giuseppe Fioroni.

Il comune è in crisi, ma Sposetti finora non si è sentito, soffre in silenzio?
“Io mi sono sacrificato cinque anni per costruire un’alternativa al centrodestra – dice Sposetti – penso d’avere, con il gruppo Pd dal 2008 al 2013, portato avanti battaglie e messo in evidenza la crisi del centrodestra, i ritardi, le inadempienze dell’allora governo della città”.

Il centrosinistra ha vinto, ma sta andando tutto in fumo. Perché secondo lei?
“Non ci troviamo di fronte a un destino cinico e baro. Ci sono, come in tutte la attività della vita, responsabilità di singoli, collettive e politiche. Vorrei ricordare una citazione: gli uomini sono portati a commettere i loro più grandi errori quando si trovano all’apice della loro popolarità e sono troppo facilmente indotti a credere di potersi permettere quasi tutto. Questo può valere per la vita quotidiana, l’economia e la finanza, ma la politica un simile atteggiamento non lo perdona. Il popolo elettore e sovrano è impietoso”.

Come si è arrivati alla crisi attuale?
“La vittoria del centrosinistra allargato alle comunali 2013. Partiamo da lì. A differenza delle politiche, dove irrompe il Movimento 5 stelle, nelle città è stato un referendum sulla cattiva amministrazione del governo di centrodestra. A Roma con Alemanno, a Viterbo con Marini. Nella capitale irrompe Marino e a Viterbo arriva un imprenditore. C’è subito il primo vero errore. Il sindaco a Viterbo non tiene conto della maggioranza e del Pd. Nomina una giunta con esponenti di una parte del Pd”.

La giunta però è prerogativa del sindaco.
“E’ un ragionamento legittimo: io sindaco sono votato dal popolo, il nuovo sistema elettorale dà a me la responsabilità del governo della città e quindi scelgo io. Però a Viterbo è come se il sindaco avesse detto: “I brutti, gli sporchi e i cattivi non li voglio in giunta”. Così rendiamo anche omaggio a un maestro del cinema, Ettore Scola. Detto questo, la decisione del sindaco è legittima, se produce risultati positivi”.

Invece cos’è successo?
“Se la città è sporca, se le buche sono aumentate rispetto a Marini, se i marciapiedi sono intransitabili a pedoni, carrozzine con bambini e anziani, se le fontane, vanto della città, sono abbandonate, se le ex Terme Inps sono solo appannaggio dei topi, allora la scelta che hai fatto tu, sindaco, si dimostra un errore. Gravido di conseguenze politiche e purtroppo elettorali”.

Cosa altro ha sbagliato il sindaco?
“Un secondo errore: il sindaco con la legge del 93 deve essere autonomo, saper ascoltare la città e la sua maggioranza, ma decidere con la propria testa. L’elezione diretta del sindaco significa questo, altrimenti ritorniamo a crisi, incontri notturni e spartizioni. La mia sofferenza vera da molti mesi è che tutti si aspettavano un grande cambiamento nella città di Viterbo, una crescita culturale, un inserimento nella politica regionale e nazionale. Invece siamo tornati alle peggiori amministrazioni del periodo del centrodestra”.

Fra le ultime cause della crisi ci sono l’uscita di Vannini dalla giunta e la nomina dei revisori dei conti. Che ne pensa?
“E’ il terzo errore. Dopo l’ennesimo suggerimento sciagurato che porta all’allontanamento di un assessore nominato da pochi mesi, con la promessa di una consulenza diretta al sindaco. Toto avrebbe detto: “Ma mi faccia il piacere…”. E non parlo della vicenda revisori dei conti. Stile zero, arroganza tanta. La maggioranza del gruppo Pd pone in un documento questioni politiche e chiede grandi cambiamenti anche nell’atteggiamento del sindaco, e cosa succede? Il sindaco fa finta di non capire. A Viterbo arriva il commissario Maigret, Tramontana, mandato dal vice segretario nazionale Pd Guerini, all’insaputa del segretario regionale, che a ragione protesta. Qui arriviamo alle comiche”.

E la faccenda si complica.
“Il commissario e il segretario regionale organizzano incontri a Viterbo. Ma a Roma erano convinti di sistemare i brutti, sporchi e cattivi in pochi giorni e ridare forza ai loro amici viterbesi. Il caso, ma soprattutto la realtà dei fatti, hanno dato un quadro assolutamente diverso. Commissario e segretario hanno dovuto prendere atto che i loro “amici” non erano dalla parte della ragione, ma che le responsabilità personali e politiche erano evidenti”.

Pure Melilli e Guerini hanno commesso errori di valutazione?
“A Guerini e Melilli dico che non si fanno trascorrere 40 giorni senza partecipare a una riunione di un organismo dirigente comunale e provinciale, che è chiamato a discutere su un punto, il documento Serra, e ad adottare conseguenti orientamenti e decisioni. Invece il Pd si è ulteriormente frantumato e tutti abbiamo prodotto una rottura con il nostro elettorato e con la città. E abbiamo creato un danno a Viterbo. Per responsabilità precise del vicesegretario nazionale e del segretario regionale Pd. E’ una vergogna scaricare le lotte interne a un partito sulla città”.

Cosa andava fatto?
“Il sindaco doveva prendere atto del documento della maggioranza del gruppo Pd. Convocare la maggioranza, individuare gli errori e con loro analizzarli, fare proposte concrete per il lavoro della giunta nei prossimi due anni. Concordando verifiche periodiche. Quindi andare in consiglio con un programma dettagliato di fine mandato. Due anni sono sufficienti per recuperare gli errori. Il sindaco doveva presentarsi in consiglio avendo revocato tutti gli assessori. Nominare una sua, e sottolineo sua, giunta di scopo, chiamando al governo della città le energie migliori che pure esistono a Viterbo”.

E adesso?
“E’ la politica, bellezza… Battute a parte, Viterbo non è distante da Roma. A Viterbo sono stati commessi gli stessi errori della capitale. Allungando l’agonia del non governo della città e non prendendo atto degli errori e della volontà di cambiamento”.

Viterbo farà la stessa fine di Roma e Michelini quella di Marino?
“Fortunatamente a Viterbo non ci sono scontrini dei rimborsi spese. Però, però, però, però… ho l’impressione che ci sia una sordità politica e una forte tentazione nel non vedere com’è ridotta la città. La politica spesso fa miracoli, ma ho l’impressione che stavolta nella città dei Papi i miracoli non ci saranno. Lo dico con grande amarezza, dopo avere dedicato tanti anni per sconfiggere un sistema di potere che ha prodotto dolori e guasti a questa bella città. Aggiungo che in questi quaranta giorni, di tutto si è parlato, tranne che di costruire un progetto per il futuro di Viterbo. Questo mi addolora veramente, eppure nel documento Serra, elementi per una discussione sulla città c’erano tutti”.

Lei però, come tutto il Pd ha sostenuto Michelini. Il sindaco aveva una lista, Oltre le Mura, con tanti esponenti che con il centrosinistra hanno poco a che fare. Non immaginava che una simile coalizione avrebbe avuto problemi di convivenza?
“Nel 2013 si sarebbe vinto senza queste forze che hanno prodotto solo dolore. Io non ho mai capito le ragioni di questa scelta. In realtà l’ho capite… si è voluto mettere in coalizione tante donne e uomini che non c’entrano niente con il centrosinistra”.

Alle elezioni comunali Oltre le Mura, oggi Moderati e riformisti. Viterbo ne aveva bisogno?
“Il mondo ha bisogno di moderati e riformisti. Non il consiglio comunale, dove quei consiglieri non si sono presentati come tali. E’ un volgare trasformismo. Italia docet e così la politica nazionale. Il trasformismo non produce mai fatti positivi”.

Il sindaco Michelini a più riprese ha lamentato d’avere trovato un’eredità pesante lasciata dal centrodestra. Ha davvero avuto problemi o è incapacità?
“E’ incapacità. Non per quello che si sono trovati. E’ incapacità politica anche da quello che mi raccontano nostri consiglieri e dirigenti”.

Il centrosinistra è ritornato al governo dopo molti anni. Visto com’è andata, è un’occasione persa?
“Un momento. Nel 1995 il centrodestra ha vinto perché l’allora sindaco (Giuseppe Fioroni, ndr) rifiutò la candidatura di una persona esterna. Eravamo in piena Tangentopoli con la scomparsa della Dc. L’allora sindaco uscente rifiuta una candidatura alla carica di primo cittadino di una figura sostenuta dai moderati e dalla sinistra. Si ricandida e arriva terzo. Non va nemmeno al ballottaggio e oltretutto, non trasferisce i voti dei moderati e riformisti al candidato di sinistra al secondo turno. Così vince un esponente della destra estrema, ex Msi (Meroi, ndr). Una situazione che dal 1995 arriva al 2013. Ma prima non c’era il centrosinistra. C’era la Dc alleata con il Psi. Alleanza che si era già esaurita dal 1992/93. L’arrivo della destra a Viterbo è tutta responsabilità del sindaco uscente nel 1995 (Fioroni, ndr). L’esperienza negativa di Michelini in due anni si poteva recuperare. Bastava poco, ma con cambiamenti significativi”.

Dovendo dare un consiglio?
“In tutta questa situazione oggi c’è una responsabilità vera ed è tutta del sindaco e questo mi dispiace molto. La crisi non la risolve Roma, ma il primo cittadino e il consiglio comunale. Con la nuova legge, soluzioni extra istituzionali non esistono. Chi governa una città deve riuscire a dare il senso di una comunità solidale e sottolineo solidale. Deve avere il gusto della cultura aperta. Deve fare in modo che vivere nel nostro caso a Viterbo abbia veramente un senso. Ridare la fiducia a Viterbo, questo è l’obiettivo per il prossimo futuro, motivare i cittadini, fornendo una città migliore, più gradevole e meno ostica. Roba concreta”.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
26 gennaio, 2016

Comune - Crolla la maggioranza ... Gli articoli

  1. Tutti in consiglio, la crisi continua
  2. "Michelini, un sindaco di gomma"
  3. "Volevamo fa dimettere il sindaco e invece ci dimettiamo noi"
  4. Tutti in "gita" a Bruxelles e la riunione salta...
  5. Crisi verso la fine ma senza un finale
  6. Si dimette pure Elpidio Micci
  7. “Egidi assessore? Io non metto veti...”
  8. "Ora sapremo chi avrà guadagnato e cosa da questa farsa"
  9. Il brodo della crisi si allunga
  10. "il silenzio dei dissidenti"
  11. Effetto domino, salta pure la riunione di maggioranza
  12. Tutti dal notaio! Si presenta solo Michelini...
  13. Moderati e riformisti chiedono un incontro col Pd
  14. Serra chiama a raccolta i consiglieri Pd
  15. "Direzione Pd inutile senza Melilli e Guerini"
  16. Crisi in un vicolo cieco
  17. Cogli l'attimo, domani andiamo dal notaio...
  18. "Ancora non ci sono le condizioni per fare un passo avanti"
  19. Venerdì il faccia a faccia con la maggioranza
  20. "Disponibile a rimettere il mio mandato di sindaco"
  21. Acqua pubblica, la crisi travolge il referendum
  22. Michelini a un bivio
  23. "Col Pd vogliamo un rapporto di pari dignità"
  24. Tre minuti e tutti a casa
  25. "Basta tenere in ostaggio la città"
  26. "Un incontro con la maggioranza prima di giovedì"
  27. Uniti nella critica, divisi dal notaio
  28. Pure Guerini prende tempo
  29. "Pronto a farmi carico di errori e superficialità"
  30. Guerini non c'è, salta la direzione provinciale Pd
  31. "Pronti a concordare l'appuntamento dal notaio"
  32. Per risolvere la crisi c'è tempo...
  33. "In comune è tutto bloccato"
  34. "Caro Serra, vai dal notaio..."
  35. "Ripartiamo insieme per il futuro della città"
  36. Faccia a faccia Michelini - Serra sui problemi della città
  37. "Moltoni riferisce vicende totalmente false"
  38. “Mi hanno offerto un assessorato per rientrare in maggioranza”
  39. "Resta aperta l'ipotesi delle dimissioni di massa"
  40. "Decidano i dissidenti, tanto Michelini non si dimette"
  41. "Ce la metterò tutta per uscire dalla crisi"
  42. Crisi, arriva Lorenzo Guerini
  43. "Non mi sembra che la situazione politica sia cambiata"
  44. Crisi, il notaio s'allontana...
  45. “Incontrerò i 7, discuteremo della ripartenza”
  46. Maggioranza colpita e affondata
  47. Arriva Guerini con la bacchetta magica...
  48. "Esperienza finita oltre ogni ragionevole dubbio"
  49. Michelini, un sindaco in fuga
  50. Valzer del notaio, altro giro
  51. Michelini prende gli schiaffi pure da Roma
  52. Il Nazareno non fa il miracolo
  53. "Venerdì si va dal notaio"
  54. "Con chi devo parlare?"
  55. “Ma quando vanno a casa?”
  56. Crisi, la soluzione non passa da Roma
  57. "Io non faccio politica, io amministro”
  58. "Non abdico, vado avanti per il bene della città"
  59. Il sindaco non molla
  60. I sette Pd disertano il consiglio
  61. Maggioranza spaccata, è gazzarra in commissione
  62. "Città sporca mentre il sindaco gioca alla crisi"
  63. In attesa di un difficile miracolo romano
  64. Opposizione pronta a occupare il consiglio comunale
  65. Dimissioni di massa o accordo per pilotare la crisi...
  66. Eppur si muove...
  67. Mercoledì tutti a Roma
  68. "Facciano come credono, io decido da solo"
  69. Vietato andare dal notaio
  70. Due giorni di corsa per non andare a casa
  71. Certificata l'incapacità politica di Michelini
  72. Michelini e Fioroni capitolano
  73. "Ma se è stato Sposetti a volermi sindaco..."
  74. “Città ostaggio di Michelini, siamo incazzati”
  75. "Siamo gli stessi che governano con Renzi"
  76. "Ecco chi non ha votato la mozione di sfiducia..."
  77. "Con chi stanno i Moderati e riformisti?... Coi Moderati e riformisti"
  78. "Due anni senza sindaco..."
  79. Rinviato l'incontro con Melilli e Guerini
  80. Pronte le dimissioni in massa
  81. "Dobbiamo sostenere il sindaco e l'amministrazione"
  82. "Michelini torni a fare l'imprenditore"
  83. "La crisi è anche colpa mia"
  84. Comune alla sfascio, FdI fa il punto...
  85. Il Giubileo entra nella crisi
  86. "Firmate la mozione di sfiducia"
  87. "Il trenino di Michelini è fermo da mesi"
  88. Basterà una riunione a salvare Michelini?
  89. “Guai a chi ferma questo treno in corsa"
  90. Troncarelli e Perà escluse dalla conferenza stampa
  91. E' caos, salta di nuovo la capigruppo
  92. Il Pd diserta la quarta commissione
  93. Tutti a Roma da Guerini e Melilli
  94. "Dimissioni e al voto in primavera"
  95. "Superare la crisi nel più breve tempo possibile"
  96. "Basta chiacchiere, i sette del Pd firmino la sfiducia"
  97. "Noi non siamo Carlo Galeotti"
  98. Michelini alla frutta, chiede aiuto alla minoranza
  99. "Liberate la città"
  100. "Abbiamo chiesto al sindaco di dimettersi"
  101. Schiaffo a Michelini, convocata la quarta commissione
  102. "Barelli si risparmi la propaganda inutile"
  103. "Se Michelini non si dimette, dimettiamoci noi"
  104. Sul Comune cala la sindrome del "non parlo"
  105. Arsenico, museo civico, Unione, Schenardi e tanto altro...
  106. "L'amministrazione Michelini? In completo stallo"
  107. "Del Giubileo si parla da un anno e niente è stato fatto"
  108. Troili brucia la poltrona...
  109. E' il documento di sfiducia ma non è un documento di sfiducia
  110. "Michelini sembra un pugile suonato che gira per la città”
  111. "Sto lavorando per la città"
  112. "Michelini sta facendo una figura barbina"
  113. "Tutti a casa, andiamo al voto"
  114. Ribadita la sfiducia a Michelini e alla giunta
  115. "Attacchi alla mia persona e professionalità"
  116. Revisori dei conti, Lorenzo Ciorba rinuncia all'incarico
  117. "Un commissario farebbe meglio di Michelini"
  118. Tutti i nodi arrivano alla capigruppo
  119. Commissioni chiuse per crisi
  120. Giunta a sei e aiutino esterno...
  121. Michelini si "arrenda"...
  122. "La crisi l'ha aperta il sindaco, non il Pd"
  123. "So annati via li komunisti?"
  124. Il Pd propone ma il sindaco dispone...
  125. Tocca a Egidi e Calcagnini
  126. La crisi e la variabile cimina...
  127. Komunicato kulturale...
  128. "Sono ottimista, prevarrà il buonsenso"
  129. "Al comune di Viterbo una situazione incomprensibile"
  130. "Non si governa da separati in casa"
  131. "Il sindaco deve essere la sintesi dell'alleanza"
  132. Michelini alla corte di Melilli
  133. Komunikato Befanesko...
  134. Fioroni e Sposetti alla riunione nazionale, il nuovo che avanza
  135. Primo avamposto dell'esercito di Fioroni sulla Palanzana
  136. "Vado avanti con l'amministrazione"
  137. "Michelini ha perso credibilità amministrativa"
  138. "Melilli e Tramontana hanno constatato la gravità della crisi"
  139. Contro i "nanetti communisti" nasce l'esercito di Fioroni
  140. E' Ciambella show...
  141. "Qui a Viterbo le cose sono complicate"
  142. Pd, i dissidenti di fronte a Melilli e Tramontana
  143. Crisi in comune, arrivano Tramontana e Melilli
  144. "Lavoro per salvare la giunta Michelini"
  145. Rossi, da "Viva Viterbo" a "Viva Fioroni"
  146. "Tutti a casa"
  147. I sette Pd restano sull'Aventino
  148. "Mancinelli? Il lato oscuro della forza"
  149. "Vado in giunta e non mi dimetto... per ora"
  150. "Michelini tutte chiacchiere e distintivo"
  151. "Riapertura dei teatri e riqualificazione di piazza del Comune"
  152. "L'amministrazione Michelini in coma irreversibile"
  153. "Tutto fermo in attesa degli incontri con Melilli"
  154. La giunta Michelini lontana dai problemi dei cittadini
  155. "In comune non può esserci una crisi dietro l'altra"
  156. "Assurdo paragonare Michelini a Marino"
  157. Auguri compagni...
  158. "Gli assessori restino al loro posto"
  159. La giunta Michelini va archiviata...
  160. "Nemmeno un conclave basterebbe..."
  161. Il termometro della crisi segna meno sette
  162. "Nessun aiuto, Michelini doveva dimettersi"
  163. Si azzeri la giunta e si amministri con autorevolezza
  164. "Io continuo a fare il sindaco..."
  165. Tramontana lavorerà a stretto contatto con Melilli
  166. Guerini invia Tramontana a Viterbo
  167. Leo: "Peppi', ma tu dichi che so' autonomo?"
  168. Perà e Troncarelli non partecipano alla riunione di giunta
  169. "Sei milioni di euro in fumo con la crisi"
  170. "L'attività del Comune va regolarmente avanti"
  171. La crisi contagia anche la provincia
  172. Michelini alla prova della giunta
  173. "Mi prendo qualche giorno prima di decidere"
  174. "La maggioranza non c'è più, finita l'esperienza Michelini"
  175. "Basta totem ideologici, Michelini vada avanti"
  176. "Le vostre lotte interne non interessano la città"
  177. "Egidi basta con questa discussione senza costrutto"
  178. "Solidale con Michelini…"
  179. "Stai costruendo il tuo partito personale"
  180. "L'Unione comunale non può prendere iniziative politiche"
  181. "Solidali col sindaco e presidente della nostra associazione Michelini"
  182. Tira aria di "Tramontana"...
  183. Liberate Fioroni...
  184. "Caro Michelini, la misura è colma…"
  185. "Il sindaco si dimetta e valuti in 20 giorni se andare avanti"
  186. "Egidi si deve dimettere"
  187. "Disponibile a dimettermi nei prossimi giorni"
  188. "Irresponsabile trascinare l'agonia"
  189. "Mi dimetterò"
  190. "Vannini stia sereno, se ha la coscienza a posto..."
  191. "Comico che Egidi trami contro il Pd"
  192. "Michelini, dopo il diabolico cosa c'è?"
  193. "Non ho ricevuto avvisi di garanzia"
  194. "Il Pd ha fallito..."
  195. "Michelini, da amministratore ad amministrato"
  196. "Egidi cospira e trama contro il Pd e il centrosinistra"
  197. Fioroni è nudo!
  198. Incontro di uomini e donne di fede fioroniana
  199. "Michelini non è più un uomo libero…"
  200. "Se siete convinti, sfiduciatemi in consiglio"
  201. "Serra & c. sono fuori dal partito"
  202. Crolla la maggioranza, Serra & c.: "La nostra esperienza di governo finisce qui"
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR