Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Più di un'ora di interrogatorio in carcere

Botte e minacce alla convivente, l’arrestato si difende

Condividi la notizia:

Vincenzo Lapaglia Casciana

Vincenzo Lapaglia Casciana

Il capo della mobile Fabio Zampaglione

Il capo della mobile Fabio Zampaglione

La conferenza della squadra mobile

La conferenza della squadra mobile

I coltelli sequestrati dalla squadra mobile I coltelli sequestrati dalla squadra mobile

I coltelli sequestrati dalla squadra mobile

La conferenza della squadra mobile

La conferenza della squadra mobile

Viterbo – Più di un’ora a raccontare la sua versione dei fatti. Più di un’ora a cercare di difendersi dalle accuse di maltrattamenti in famiglia e minacce col coltello (video).

Interrogatorio di garanzia, ieri mattina, per Vincenzo Lapaglia Casciana, cinquant’anni, artigiano siciliano.

L’uomo arrestato la notte del 3 maggio dalla squadra mobile di Viterbo ha risposto alle domande del gip Savina Poli, al carcere Mammagialla.

“E’ˆ stato collaborativo”, dichiara il suo avvocato Patrizia Ruzzi, che ha chiesto al gip di sostituire il carcere con una misura alternativa.

Per gli agenti viterbesi, è l’ennesima storia di violenze tra le mura domestiche. La compagna del 50enne si presenta in questura il 18 aprile, convinta a denunciare dalla madre e da un’avvocatessa sua amica.

Ai poliziotti della sezione specializzata in reati su donne e minori, racconta gli insulti, le botte e le minacce di morte dal compagno, che avrebbe puntato ad allontanarla anche da amici e conoscenti.

Stando alle indagini, le aggressioni sarebbero avvenute anche davanti ai figli piccoli della donna, una bimba di 8 anni, avuta da un precedente matrimonio, e un figlio nato due anni fa dalla relazione con Casciana. Per sfuggire alle botte e alle urla del ‘patrigno’, la piccola di nascondeva in una specie di piccolo rifugio che aveva costruito sotto il suo lettino.

L’uomo ha alle spalle un precedente per omicidio per il quale ha scontato una condanna a 12 anni. La convivente sarebbe stata minacciata di fare la stessa fine della persona che Casciana aveva ucciso.

Nei prossimi giorni il gip deciderà se farlo uscire dal carcere.


Condividi la notizia:
6 maggio, 2016

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR